Calcio e Coronavirus: Rodolfo Giorgetti - ex calciatore di Bari e Lecce - vive come tutti con grande apprensione questo momento storico per il nostro paese. Nativo di Seregno (provincia di Milano), ora vive a Senigallia (provincia di Ancona). Due zone colpite particolarmente dalla pandemia, ma al momento nessuno tra lui ed i suoi cari è coinvolto in questa situazione: "Sono tra le zone più colpite - dichiara ai nostri microfoni - anche se fortunatamente i parenti stanno bene. la zona della Brianza e di Milano Nord sono meno contagiate rispetto a Bergamo. Io sto bene. Il calcio ora passa in secondo piano, nessuno è ora in grado di capire quando questa guerra finirà. Una guerra, naturalmente, inaspettata. I danni economici saranno e sono enormi". 

Potrebbe cambiare anche il mondo dei calciatori, oltre che dello stesso sistema calcio: "In questo momento vale tutto e non vale niente. Tutti cercano tutele, parliamo pur sempre di aziende. Il calcio è una voce importante dell'economia, bisognerà prendere i giusti provvedimenti, i calciatori non sono categorie cosi in difficoltà". 

Sul rendimento maturato da Bari e Lecce, ecco il suo parere: "Stanno facendo entrambe due campionati discreti. Adesso sarebbe bello poter dare ad entrambe le società di rifarsi. Ripartire tra qualche tempo sarebbe strano, un campionato nel campionato. Archiviare la stagione? Presto per dirlo, dipende sin quanto durerà tutto questo. Il Bari, comunque, lo sto seguendo poco. idem il Lecce. Tra i giallorossi vedo molto bene Mancosu, un vero e proprio trascinatore per il gruppo, forse la rivelazione per uno che è al suo primo anno di Serie A. Tra i biancorossi impossibile non menzionare Antenucci. Anche in C questa è una piazza che conta molto". 

Ricordi indelebili con entrambe le maglie: "Col Bari ricordo ancora il gol al 91' contro la Salernitana. Era il 1997, con Fascetti in panchina iniziammo una corsa memorabile verso la Serie A. E col Lecce sicuramente quella decisiva contro la Lazio nel 2001. Ricordo inoltre i gol contro Juventus e Perugia. Bei ricordi, anni memorabili soprattutto per me. Porto la Puglia nel cuore". 

Sezione: ALTRE NOTIZIE / Data: Gio 26 Marzo 2020 alle 21:30
Autore: Domenico Brandonisio
Vedi letture
Print