Antonio Matarrese, ex presidente del Bari, ai microfoni di RadioBari ha parlato della squadra biancorossa: "Se guardo il Bari? Certo che lo guardo con ansia e con un po' di tristezza perché vorrei vedere i baresi vicini alla società. Finora ho visto illustri personaggi del calcio nazionale, ma nella gestione devono esserci i baresi e non soltanto i napoletani. Io sono nato biancorosso, sono diventato qualcuno attraverso il Bari: mi emoziono, mi arrabbio. Una volta - riporta TuttoBari - soffrivo fino all'ultimo minuto: quando le cose non andavano bene io non dormivo la notte, adesso non dormissero gli altri. La B? E' dura. E' difficile per una società come il Bari stare in un torneo come la C. Bisogna avere la cultura della Serie C e la cattiveria. La C è più difficile della B: i dirigenti devono stare addosso ai calciatori, anche maltrattandoli per farli diventare più duri. La C è un inferno".

Sezione: BARI / Data: Mar 18 Febbraio 2020 alle 20:00
Autore: Francesco Ippolito / Twitter: @fraccio
Vedi letture
Print