INTERVISTA - Avellino-Bari, il doppio ex Kutuzov: "Serie C meritata ma stretta per due piazze calde. Masiello? Non ho visto la finale..."

16.05.2019 20:00 di Domenico Brandonisio   Vedi letture
© foto di Filippo Gabutti
INTERVISTA  - Avellino-Bari, il doppio ex Kutuzov: "Serie C meritata ma stretta per due piazze calde. Masiello? Non ho visto la finale..."

Intervistato dalla nostra redazione, Vitaly Kutuzov esprime soddisfazione per il salto in C di Bari ed Avellino, prossime sfidanti in poule scudetto al 'Partenio': "Beh, meglio di cosi era difficile (ride, ndr). Non è stato facile ripartire per due società e ambienti che, in fondo, si somigliano. Il campionato di Serie D non è ai massimi livelli, ma vincere non è facile. Mai. Certo, il Bari aveva una rosa di qualità maggiore rispetto a tutte le altre, l'Avellino ha faticato di più. Sono piazze in cui vincere è quasi obbligatorio, soprattutto quella pugliese. Di sicuro i traguardi importanti da celebrare devono ancora arrivare".

Nelle fila irpine milita un suo vecchio compagni di squadra ai tempi del Bari, ovvero Ferdinando Sforzini: "Ho avuto un semplice rapporto professionale, da calciatore. Sicuramente è impressionante vederlo ancora giocare ed avere tanta voglia alla sua età non è da tutti. Ha sicuramente valori e carriera importanti".

Sulla multiproprietà con il Napoli: "Difficile pensare di mollare una squadra che ora gioca in Champions. Ha peraltro dei giocatori importanti, si lavora alla grande. Ora bisogna naturalmente concentrarsi sul presente. Di sicuro sono due piazze importanti e ricordo ancora, ai tempi della mia militanza ad Avellino, i loro problemi economici. Anche in quel caso si trattò di un'estate molto calda". 

Dall'insofferenza all'indifferenza. Con Masiello in campo, stavolta Kutuzov la finale di Coppa Italia neppure l'ha guardata: "Davvero, non l'ho neppure vista, la finale (ride, ndr)".