INTERVISTA - De Rosa: "Bari, che sia l'inizio di una lunga risalita. Ma si resti uniti. Brienza? Onore a lui"

05.12.2018 17:00 di Domenico Brandonisio  articolo letto 254 volte
© foto di Giacomo Morini
INTERVISTA - De Rosa: "Bari, che sia l'inizio di una lunga risalita. Ma si resti uniti. Brienza? Onore a lui"

Il Bari, dopo la caduta in D, prova a risalire lentamente nel calcio che conta. Ai microfoni di tuttocalciopuglia.com arriva un messaggio di speranza da parte di Gaetano De Rosa, ex difensore dei galletti dal 1997 al 2004: "Spero che questo sia solo l'inizio per riportare Bari nella categoria che merita. Deve esserci il supporto di tutti, bisogna restare uniti. Bisogna allontanare tutte quelle dinamiche che non fanno bene al mondo del calcio, bisogna restare preparati per il raggiungimento del massimo obiettivo. Del resto, per De Laurentiis parlano i risultati ottenuti e bisogna avere fiducia. Non so quali possano essere, ovviamente, le loro strategie future. Certo, i mali del calcio ed il problema dei fallimenti va risolto. Poi, cosa sia accaduto con esattezza a Bari e come si sia potuti arrivare al triste epilogo dello scorso luglio non posso certamente dirlo io". 

Ecco pregi e difetti del capoluogo pugliese dal suo punto di vista: "Ho conosciuto Bari e l'ho vissuta per 7 anni, sono stato bene. Ho scritto pagine importanti per la sua storia, i tifosi mi hanno fatto sentire spesso calore, stima e considerazione. C'è grande passione, ma anche molta instabilità dopo l'addio di alcuni pilastri a livello dirigenziale e societario". 

Chiosa conclusiva sul Bari attuale: "Ai più giovani consiglio di metterci l'anima e tutta la voglia possibile per affrontare al meglio tutti gli impegni. Bari può essere una tappa importante di crescita per tutti loro. Importante, ovviamente, è anche il compito dei più esperti. Penso a Brienza. Ha accettato di scendere in D, ma  con un progetto serio davanti e con una società importante dire di no era davvero difficile. Onore a lui".