Vitaly Kutuzov non dimentica il Bari. Vecchie reminiscenze sono tornate prepotentemente alla ribalta al termine dell'ultimo Lazio-Inter. E' bastato che il suo sguardo, in sala stampa, s'incrociasse con quello di Antonio Conte. E via con i ricordi della promozione del 2008/09: "E' stato bello - dichiara al nostro sito - rivedere un grande allenatore di calcio, un vecchio amico, alla luce soprattutto dei felici trascorsi che proprio a Bari avevamo avuto. Un campionato vinto ed in cui era stato fatto qualcosa di molto importante".

Anche a suo avviso il Bari della fine del decennio scorso avrebbe potuto fare molta strada: "Le parole di Gillet? Certo, quel Bari aveva delle grandi potenzialità. La squadra aveva un buon valore, fondamentali anche il pubblico ed uno stadio a dir poco maestoso. Impossibile dire se saremmo potuti essere davvero sul livello di un'Atalanta, ma forse ci saremmo potuti togliere davvero delle soddisfazioni importanti. Il metro di paragone ci può stare, abbiamo fatto divertire il pubblico di Bari, caloroso come pochi altri". 

Sul Bari attuale, quello guidato da Vivarini: "La squadra è forte, ha grandi potenzialità. La Reggina è forte, ma non bisogna avere timore di nessuno. Può ancora farcela per la B,il salto di categoria è possibile". 

Sezione: BARI / Data: Gio 20 Febbraio 2020 alle 20:30
Autore: Domenico Brandonisio
Vedi letture
Print