Eccellenza: Quadro completo con quattro new-entry. Situazione in stand-by a Barletta, il Trani potrebbe “emigrare”

11.06.2019 18:45 di Vito Salvatore Di Noi   Vedi letture
Eccellenza: Quadro completo con quattro new-entry. Situazione in stand-by a Barletta, il Trani potrebbe “emigrare”

Con la promozione del Brindisi in Serie D, si inizia a delineare il prossimo torneo di Eccellenza che, anche nella prossima stagione, dovrebbe annoverare 16 compagini ai nastri di partenza, a patto che non vi sia richiesta di eventuali iscrizioni in sovrannumero, ipotesi da tenere in considerazione fino a quando tutte le pugliesi aventi diritto ad iscriversi ai tornei di categoria superiore non avranno espletato le pratiche necessarie. I cinque posti vacanti lasciati dalle promosse Casarano e Brindisi e dalle retrocesse Terlizzi, Avetrana e Molfetta Sportiva verranno occupati da San Marco ed Ugento, vincitrici dei raggruppamenti A e B di Promozione pugliese e dalle tre ripescate Martina, Deghi (vincenti nei playoff di girone) ed Orta Nova, lo scorso anno Sporting Donia, finalista in finale di Coppa Italia di categoria. Delle cinque, soltanto il Martina vanta già diverse partecipazioni nel massimo torneo dilettantistico regionale, mentre per le restanti quattro si tratterà di una prima assoluta.

PRIME UFFICIALITA’. Nessuna novità di rilievo per quel che riguarda il parco-calciatori, con le varie compagini in questione proiettate per lo più verso le riconferme, mentre più di qualcosa si è già mosso sulle panchine. Nuovi corsi per Fortis Altamura e Corato, così come per U.C.Bisceglie e San Severo, anche se le ultime due sono ancora in attesa di ufficializzare le rispettive guide tecniche: la società azzurra, che nel frattempo ha assegnato la direzione dell’area tecnica ad Aldo Papagni, dovrebbe affidarsi a Gigi Di Simone, secondo dello stesso Papagni ai tempi di Andria, mentre il nome che circola con insistenza nell’ambiente giallogranata è quello di Danilo Rufini, in panchina già nell’annata 2012/13, quella della promozione in D. Altre società, invece, hanno optato per la riconferma dei diversi profili in panchina già dalla scorsa stagione.

PROBLEMATICHE. In bilico, invece, le situazioni a Barletta e Vigor Trani. Nella Città della Disfida, dove al momento vi è una società dimissionaria, nessuna forza imprenditoriale sembrerebbe essersi proposta per avviare un nuovo ciclo, anche se il tutto potrebbe sbloccarsi qualora venga concessa l’agibilità parziale del “Puttilli”. A Trani, invece, è in corso una vera e propria diatriba circa l’utilizzo del “Comunale”: la società del presidente Lanza vorrebbe usufruirne in maniera totalmente gratuita, “minacciando” di disputare l’intero campionato altrove. Se ciò dovesse accadere, Ruvo sembrerebbe la destinazione più accreditata.