Fidelis Andria, emergono i soliti problemi in zona realizzativa

 di Carlo Leonetti Twitter:   articolo letto 106 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Fidelis Andria, emergono i soliti problemi in zona realizzativa

Cambiano gli allenatori, cambiano i dettami tattici ma in casa Fidelis Andria è sempre il solito problema a tenere banco, la scarsa incisività in zona offensiva. Con l’arrivo di Aldo Papagni e i 5 gol rifilati all’esordio al malcapitato Akragas, si pensava fosse risolto nel migliore dei modi il “problema del gol”. Ma sia nella sfida contro il Trapani che nella trasferta di Matera, sono emersi nuovamente gli aspetti negativi in fase realizzativa. Nel match contro i siciliani i federiciani non sono riusciti ad esprimere il proprio calcio, per merito del Trapani che aveva letteralmente ingabbiato la Fidelis. Nella gara del “Franco Salerno” di Matera i ragazzi di Papagni sono arrivati spesso alla conclusione centrando il bersaglio solo nella parte finale . Prima Bottalico, poi Lattanzio nella prima frazione di gioco hanno sprecato potenziali palle gol; nei secondi 45 minuti fatale è stato l’errore dal dischetto di Riccardo Lattanzio, al primo rigore ottenuto dalla Fidelis in questa stagione, e poi come sempre ci ha pensato Scaringella ha depositare la palla in rete come un vero rapace d’ aria di rigore. In vista dell’importantissima sfida casalinga contro il Rende, il tecnico biscegliese deve studiare nuove soluzione per il reparto offensivo, ma una cosa è certa in questo momento la Fidelis non può fare a meno dell’Aquilone coratino.