Segnali positivi in casa Virtus Francavilla, che nel match contro il Catania ha raccolto un solo punto, ma ha dato prova sul campo di meritare anche qualcosina in più, se non fosse per un po’ di sfortuna e alcune dubbie decisioni arbitrali. Ancora sopra la media la prestazione di Alessandro Caporale, ormai punto fermo di mister Trocini, ma soprattutto della difesa biancazzurra. È stato praticamente sempre presente quest’anno in campionato, dove non ha saltato neanche una partita, segnando anche un gol nella rotonda vittoria per 6-2 contro la Vibonese. È un calciatore sul quale si può fare affidamento senza se e senza ma. Non soltanto esterno della difesa, ma all’occorrenza ha giocato anche come centrale in difesa, ma anche esterno di centrocampo. Anche se, in realtà, importa poco la sua posizione di partenza, perché sulla fascia sinistra spazia a tutto campo. Quando parte con le sue galoppate è praticamente inarrestabile, seminando il panico tra gli avversari. Una crescita esponenziale da quando è arrivato nella città imperiale: passato dal Nardò al Francavilla nell’estate del 2018, ha da subito sorpreso per la sua prestanza fisica ma soprattutto per la sua voglia di sacrificio e dedizione al servizio della squadra. Non soltanto quest’anno è stato un punto fermo dei biancazzurri: anche la scorsa stagione aveva saltato appena sette partite (di cui due per squalifica e le restanti cinque per scelta tecnica). Insomma la Virtus punta tutto su Caporale, silenzioso trascinatore dal cuore grande.

Sezione: FRANCAVILLA / Data: Ven 17 Gennaio 2020 alle 08:30
Autore: Stefano Di Bella / Twitter: @Dibella97
Vedi letture
Print