Bisceglie, generosità e giusto atteggiamento servono a poco senza gol. Soprattutto negli scontri diretti

Nato a Bitonto (Bari). Classe 1988. Giornalista professionista. Lavora per Radionorba e Eleven Sports. Vincitore dei premi "Antonio Ghirelli" (2017) e "Tommaso Francavilla" (2018)
18.12.2018 00:00 di Vincenzo Murgolo Twitter:   articolo letto 300 volte
Bisceglie, generosità e giusto atteggiamento servono a poco senza gol. Soprattutto negli scontri diretti

Ci sono diversi modi per analizzare la sconfitta rimediata dal Bisceglie a Rieti. Per esempio partendo da due distinti momenti della partita.

Minuto 41 del primo tempo. La difesa del Rieti perde un brutto pallone sulla trequarti, Scalzone ne approfitta e serve in area Starita, ma l’attaccante temporeggia troppo prima di calciare e il difensore laziale Gallifuoco riesce a recuperare in scivolata. Minuto 18 della ripresa. Maistro si libera di Markic e, da posizione leggermente defilata, spedisce il pallone alle spalle di Crispino.

Queste due istantanee aiutano a capire il risultato del “Manlio Scopigno”. Il Rieti ha avuto quella cattiveria e quella freddezza che al Bisceglie, invece, sono mancate. Dopo l’insperata vittoria contro il Catania, in terra laziale i nerazzurri hanno messo in campo sicuramente un atteggiamento battagliero, ma al momento del dunque sono mancati. In uno scontro diretto contro una concorrente per la salvezza, e soprattutto dopo un turno infrasettimanale pregno di risultati favorevoli, era doveroso capitalizzare le occasioni costruite.

Ed è proprio negli scontri diretti che i numeri del Bisceglie sono tutt’altro che incoraggianti. Contro le altre squadre che attualmente lottano per la salvezza (Rieti, Siracusa, Viterbese, Matera e Paganese) i nerazzurri hanno ottenuto una vittoria, un pareggio, e tre sconfitte, segnando tre gol e subendone otto. Senza dimenticare che quella di Rieti è stata la settima sconfitta su otto partite in trasferta e il bilancio dei gol parlano di una sola rete realizzata (quella di De Sena a Catanzaro) a fronte di 14 subite.

Domenica il calendario propone un altro scontro diretto contro la Virtus Francavilla dei grandi ex Vrdoljak, Lugo Martìnez e Partipilo. Un derby con in palio punti pesanti per non sprofondare ulteriormente nelle sabbie mobili dei playout. Poi ci saranno le trasferte di Cava de’ Tirreni e Vibo Valentia, prima della sosta. E del mercato invernale, soprattutto.

Da ultimo, una precisazione. Ho volutamente lasciato da parte il capitolo legato al divorzio consumatosi tra Beppe Materazzi e il Bisceglie a pochi giorni dalla sua presentazione ufficiale poiché sarà argomento, più in là, di un approfondimento a parte. Sempre in questa sede, ovviamente.

 

 

---> Per seguirmi su Facebook, CLICCA QUI!