Bisceglie, la buona volontà serve a poco senza fisicità. E attenzione, in chiave salvezza, alla vicenda Matera

Nato a Bitonto (Bari). Classe 1988. Giornalista professionista. Lavora per Radionorba e Eleven Sports. Vincitore dei premi "Antonio Ghirelli" (2017) e "Tommaso Francavilla" (2018)
29.01.2019 00:37 di Vincenzo Murgolo Twitter:    Vedi letture
Bisceglie, la buona volontà serve a poco senza fisicità. E attenzione, in chiave salvezza, alla vicenda Matera

Nemmeno lo scontro diretto con la Viterbese è riuscito a far invertire la rotta al Bisceglie. Vincendo, i nerazzurri avrebbero centrato in un colpo solo tre obiettivi: agganciare il quartultimo posto, portarsi a una sola lunghezza dalla zona che vale la salvezza e guardare al futuro con un’iniezione di fiducia non da poco. E invece la zuccata di Atanasov, giunta nel finale di un secondo tempo in cui la formazione di Vanoli è calata alla distanza, è valsa la tredicesima sconfitta stagionale nella settima partita consecutiva senza andare a segno per un attacco che, con la miseria di 9 reti segnate, resta il peggiore del torneo.

E dire che qualcosa da salvare ci sarebbe pure. Un buon atteggiamento mostrato nel primo tempo, quando la buona volontà è stata accompagnata dalle gambe che giravano. Ma anche un trio Markic-Zigrossi-Maestrelli che conferma di aver già trovato in poche uscite un’intesa più che discreta. In più le note positive rappresentate dall’esordiente portiere Cerofolini (perfetto sia nell’uscita bassa su Polidori sullo 0-0 che nel volo sul gran tiro di Palermo sullo 0-1) e da un Giron assolutamente sufficiente nel suo secondo esordio in maglia nerazzurra. Resta però il limite di una squadra che, per quanto brava nel contenere, mostra difficoltà evidenti nel costruire qualsivoglia trama offensiva. Cuppone e Jovanovic sono rimasti troppo isolati lì davanti in ragione di un centrocampo mancato in fisicità su un campo le cui pessime condizioni hanno premiato questa dote. In più la disattenzione difensiva in occasione del gol-partita, un aspetto evidenziato dallo stesso Vanoli ai microfoni.

Resta da capire cosa accadrà domenica, quando teoricamente il Bisceglie sarà di scena a Matera. La penalizzazione di ben 26 punti inflitta ieri alla società lucana viene da più parti interpretata come un possibile preludio all’esclusione dal campionato. Uno scenario che, se diventasse realtà, spariglierebbe in maniera sostanziale i giochi in chiave playout. In attesa di capire come si evolverà il tutto, l’impressione è che anche il mercato possa rappresentare un’opportunità. Magari per provare ad aggiungere quel pizzico di fisicità in più a centrocampo necessario per non far sembrare dei novelli lillipuziani i pur volenterosi Risolo, Giacomarro e Parlati.

 

 

---> Per seguirmi su Facebook, CLICCA QUI!