È sempre calciomercato. Lecce, Tachtsidis il regista che mancava a Liverani. Foggia, almeno un rinforzo per reparto. Falcone in D e le ingiuste regole del calcio che sprofonda

Responsabile di TUTTOcalcioPUGLIA.com, firma di TUTTOmercatoWEB.com e Corriere dello Sport (ed. Puglia). Conduttore Tg Sport su Canale 85.
08.01.2019 08:20 di Dennis Magrì  articolo letto 412 volte
È sempre calciomercato. Lecce, Tachtsidis il regista che mancava a Liverani. Foggia, almeno un rinforzo per reparto. Falcone in D e le ingiuste regole del calcio che sprofonda

Ci era mancato il calciomercato, anche se per noi addetti ai lavori non si è mai chiuso. Perché c'è sempre qualcosa che bolle in pentola: tra affari per la finestra di mercato più vicina e lista degli svincolati da tenere continuamente sotto controllo per eventuali colpi a zero, passando per i rinnovi. Insomma, come si dice spesso, è sempre calciomercato.

Fantastico il primo colpo del Lecce, che si assicura un gran calciatore per la regia: Tachtsidis, nonostante tutto ciò che si dice, rappresentava il tassello mancante nel puzzle. E poco importa se viene da stagioni non proprio brillanti, piedi e qualità sono noti a tutti. Ora, senza fretta, l'attaccante. Più Budimir di Ceravolo. E per quest'ultimo, da fonti piuttosto certe, mi risulta grande distanza. Tumminello può far bene in giallorosso, ma i giovani ci son già e forse serve un pizzico di esperienza in più. Prima, però, bisognerà sfoltire la rosa.

"Non prenderemo calciatori per fare numero": parole e musica del ds foggiano Luca Nember. I giorni, però, passano e di acquisti nemmeno l'ombra. È vero che ci ha abituato ad un lavoro silenzioso e senza proclami, ma il tempo stringe. Un tassello per reparto, con tanti calciatori pronti a partire: molto da fare per i rossoneri, che nella seconda parte di stagione dovranno immediatamente iniziare a correre.

Pochi giorni fa ho intervistato Luigi Falcone, che in passato ho seguito con grande attenzione. È tornato in Puglia, al Bitonto. In Serie D, praticamente è un fuori-categoria per doti tecniche e numeri. Prima sette mesi da svincolato, per l'ormai nota questione under/over. Incredibile come, nel silenzio generale, qualcuno si stia divertendo ad ammazzare il calcio italiano con regole assurde: lo sport è meritocrazia, non un giocattolo dove sopra la scatola viene indicata l'età. Riflettere. Rifondare. Ripartire.