I tristi playout di B e il futuro del Foggia. Bari, primi sondaggi da grande

Il club rossonero si interroga sul futuro societario mentre fa da malinconico spettatore a un brutto spareggio. Il Bari prepara i colpi d'artificio.
06.06.2019 01:30 di Ivan Cardia   Vedi letture
I tristi playout di B e il futuro del Foggia. Bari, primi sondaggi da grande

Alla fine, è stata anche una partita combattuta. Bella magari no, ma la reazione del Venezia testimonia che i lagunari, nonostante le (legittime) proteste questi playout non li hanno davvero preparati come se fossero già al mare. E la Salernitana va in difficoltà, a un passo dalla Serie C: sa un po’ di contrappasso, per chi ha maliziato sulla decisione (poi riveduta e corretta) della Lega B che aveva deciso di non giocarli, questi benedetti playout.

Sono comunque una tristezza, questi spareggi giocati a quasi un mese dalla fine del chiamato, con giocatori richiamati all’ultimo, o quasi. Fa da spettatore il Foggia, che infine si è arreso, dopo aver lottato per difendere la propria posizione. Ora è il momento di scegliere il proprio futuro, di scoprire se la proprietà andrà avanti o come sembra effettivamente passerà la mano. Pare certa l’iscrizione al campionato, e questo non è poco: mala tempora currunt, ma ci si accontenta di quel che si ha.

Sarà un campionato, quello di C, a forti tinte pugliesi, a maggior ragione se il Trapani dovesse farcela nei playoff contro il Piacenza. Il Bari farà la parte del leone, perché i primi movimenti sanno di grande società: difficile Dezi, quasi impossibile Galano che per il biancorosso potrebbe fare un’eccezione. Però se i nomi sondati sono questi, e ci aggiungiamo Ferrari, che pare vicino e come bomber di scorta in C è un lusso, le garanzie per una stagione da protagonisti ci sono tutte. In attesa che il mercato dei Galletti, fin qui fatto di sondaggi promettenti, prenda davvero il via.