Mancosu calciatore da Serie A, contro il Verona la miglior partita del Lecce. Virtus Francavilla, vergogna stadio: Magrì ed i tifosi non meritano tutto questo

Dennis Magrì, classe '95, giornalista pubblicista. Responsabile di TUTTOcalcioPUGLIA.com, firma di TUTTOmercatoWEB.com e Corriere dello Sport (ed. Puglia).
06.10.2018 00:32 di Dennis Magrì Twitter:   articolo letto 813 volte
Mancosu calciatore da Serie A, contro il Verona la miglior partita del Lecce. Virtus Francavilla, vergogna stadio: Magrì ed i tifosi non meritano tutto questo

Marco Mancosu in Serie B: qualcuno ci deve delle spiegazioni. Contro l'Hellas Verona la decide ancora lui, sempre lui: assist al bacio per La Mantia e gol fantastico, da fuori area, sul palo del portiere. Un bolide, una rasoiata imparabile. Per l'ennesima volta giganteggia in mezzo al campo e porta a lezione di calcio gli avversari. Sta trascinando il Lecce, a cui vanno fatti i complimenti per non aver ceduto alle sirene di mercato in estate. Lo sta facendo con la sua immensa qualità e caparbietà. Da leader, con i piedi buoni. Quasi incomprensibile non vederlo all'opera nella massima serie: ci arriverà sicuramente, magari con la maglia giallorossa addosso. È chiaramente un sogno, ma che i tifosi quasi cominciano ad accarezzare non appena l'occhio cade sulla classifica.

Che dice Lecce secondo. Col miglior attacco del torneo dopo aver battuto la capolista, appena cinque mesi fa in Serie A. Contro il Verona è stata la vittoria del gruppo, anche senza Falco: nessuna dipendenza, il gruppo prima di ogni cosa. Ed una squadra che lotta così può solo ambire a traguardi importanti. Difesa impeccabile, portiere e centrocampo al top: la miglior partita stagionale.

Piccola chiusura dedicata alla Virtus Francavilla. In settimana è arrivato il comunicato della Curva Nord, poi ieri le parole del dg Domenico Fracchiolla che “minaccia” l'addio del presidente Antonio Magrì in caso di ulteriori ritardi dei lavori allo stadio. Negli ultimi anni il calcio in Puglia è “rinato” anche grazie a gente come Il numero uno biancazzurro. Come Alessandro Laricchia, futuro presidente del Monopoli ed attuale amministratore unico. Come Onofrio Lopez ed Enzo Mastronardi. Come il duo Sticchi Damiani-Liguori a Lecce. E vedere tutto questo, cioè una squadra come la Virtus che non può giocare nella propria città da un anno e mezzo per dei lavori infiniti, getta nello sconforto noi appassionati, figuriamoci chi investe soldi. Queste belle realtà vanno tutelate. Lo meritano le nostre piazze, lo merita il calcio pugliese.