Foggia, mister Stroppa: "Sono sereno, serve una prestazione di carattere"

 di Attilio Scarano Twitter:   articolo letto 227 volte
Giovanni Stroppa
Giovanni Stroppa

Mister Stroppa ha parlato in conferenza stampa a due giorni dal match contro lo Spezia. Ecco le sue parole: 

"La risposta dei miei è stata positiva, quello che chiedo è quello che si chiede sempre, di fare una prestazione di carattere, di andare a Spezia e di fare a tutti i costi il risultato. Come vivo la partita? Serenamente, come ho vissuto le altre. La vicinanza della società fa piacere, come al solito darò il massimo non mi resta altra strada, con la massima tranquillità. Resta il campo, il lavoro quotidiano, andiamo avanti sulla nostra squadra. Se si deve cercare un caprio espiatorio a tutti i costi mi dispiace. Il momento è di assoluta difficoltà, soprattutto a livello numerico dove avere 11 indisponibili in una partita sola diventa problematico per chiunque. Come sono sereno io, anche i giocatori devono esserlo. Hanno la mia massima stima e considerazione, il fatto di sentirsi in discussione deve essere insinseco, ogni giorno mi sento in discussione e voglio migliorare. Si è parlato sin qui di un Foggia quasi sempre bello, con dei limiti. La classifica anche se nel momento più negativo non è bruttissima, non dobbiamo mollare la presa. I ragazzi da qui a gennaio non si guadagnano il posto,  ma è ogni domenica. Con il Cittadella loro hanno fatto gol, noi abbiamo preso la traversa o con Beretta la palla è uscita di poco. Nel primo tempo abbiamo avuto più noi occasioni. La squadra crea, nonostante la situazione, è la prima volta che perdiamo due partite di fila. Siamo usciti da Bari con i complimenti. Probabilmente a Bari c'era qualcosa di buono ma non è bastato per fare punti. Stessa cosa col Cittadella. Se guardo le prestazioni ho visto che la squadra può fare la categoria da protagonista. Cambio di modulo? Stiamo provando alternative, ma in questo momento oltre al fatto di fare la formazione, la devo fare sugli aspetti fisici, su chi può darmi di più. Infortunati? Recuperiamo Camporese ma lo tengo ancora con il punto interrogativo, non si è allenato con continuità, non è al 100%, Coletti rientra, Deli non lo voglio rischiare. Giochiamo contro un avversario di blasone, esperto della categoria, ha fisicità, con giocatori di categoria, ha cambiato sistema di gioco da poco. Hanno trovato una continuità in casa, sono pericolosi sulle palle inattive. In difesa ha giocatori importanti, Capelli, Terzi; davanti c'è Granoche, lo stesso Forte, Gilardino che non è di B, ci ho giocato insieme a Piacenza quando era ragazzino. Settimana calda? Siamo isolati allenandoci all'Amendola, i ragazzi li vedo sereni, c'è un ottimo atteggiamento. Chiricò? Un giocatore di assoluto valore, se sono arrivato a dire a voi quelle cose è perché spesso il messaggio non è diretto. Questo non cambia la mia stima nei suoi confronti, mi sembrava giusto fargli capire che può dare di più. Non nascondo anche il fatto che il ragazzo soffre di pubalgia, delle volte si allena bene altre meno. Tra Foggia e Cittadella abbiamo giocato meglio noi, loro hanno giocato bene in verticale. Col Perugia abbiamo fatto un'ottima prestazione, col Parma e Ternana abbiamo fatto noi la partita nel secondo tempo. Per me le prestazioni sono sempre state importanti, dispiace per il black out, abbiamo preso gol facili. Contro lo Spezia sarà una partita difficile, i numeri sono a loro favore. Noi siamo competitivi fuori e faremo la nostra partita. Il manto erboso è bello, lo stadio è affascinante, ci sono tutti i presupposti per fare una bella partita. Errori difensivi? Non voglio dire sempre le stesse cose, sta andando in questa maniera. A monte degli errore c'è una leggerezza mentale, cosa che a Bari non c'è stata. Applicazione, determinazione e cattiveria saranno fondamentali. Infortuni? Ci sono delle recidive a livello di infortuni, quando ci sono problemi muscolari la colpa è mia. Non sono io di certo a dire alla società il medico o il fisioterapista. Se viene fatta una certa preparazione, la responsabilità è mia. Faccia a faccia con i tifosi nel post partita? E' andata molto bene".