Il Foggia 2.0 riparte dal successo contro l'Ascoli. E Celli da rivelazione a... conferma

 di Dennis Magrì Twitter:   articolo letto 163 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Il Foggia 2.0 riparte dal successo contro l'Ascoli. E Celli da rivelazione a... conferma

Per una squadra che ha incassato ben trentuno reti nelle prime tredici giornate, vincere senza subire gol è una bella soddisfazione. Una rondine non fa primavera, ma il duro lavoro paga sempre.

E Giovanni Stroppa in tal senso è stato bravo ad immergersi, fin dal primo giorno e con tutte le scarpe, nel mondo rossonero. La vittoria di ieri contro il fanalino di coda Ascoli ha evidenziato l'atteggiamento coraggioso di una squadra che ha concesso pochissimo all'avversario, capace di leggere bene la partita e colpire nei momenti giusti. 

Con Celli che sembra un motorino (e al momento intoccabile...), Beretta che si sacrifica (in un ruolo non suo) per il bene della squadra ed un Vacca che si limita a svolgere il compitino senza esagerare, ecco un Foggia 2.0 pronto a ripartire dalla convincente prova di Ascoli Piceno. Senza contare l'importante rientro di Empereur che potrebbe offrire nuove soluzioni tattiche come difesa a tre con Camporese e Coletti oppure con quest'ultimo in mediana.

I satanelli ripartono dalla trasferta di ieri, dai tre punti, dalle zero reti incassate e dall'abbraccio di Chiricò a Stroppa dopo la rete dello 0-2.