Lecce, Liverani: “Ci giochiamo lo scettro della Puglia. Vogliamo riscattare la sconfitta di Palermo”

08.03.2019 14:03 di Christian Cesario Twitter:    Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/TUTTOmercatoWEB.com
Lecce, Liverani: “Ci giochiamo lo scettro della Puglia. Vogliamo riscattare la sconfitta di Palermo”

Consueta conferenza stampa pre partita per Fabio Liverani: l’allenatore del Lecce ha parlato dell’imminente derby contro il Foggia e del percorso di crescita dei salentini nel corso dell’intera stagione.

LA FORMAZIONE - “Saranno assenti Palombi e Bovo che, nella rifinitura, ha riscontrato un problema muscolare: settimana prossima capiremo l’entità dell’infortunio. In difesa posso contare anche su Marino che si fa sempre trovare pronto, è una valida alternativa, ma credo che per domani la coppia centrale sarà Lucioni-Meccariello. Majer? Ha pienamente recuperato, aveva solo un piccolo affaticamento a causa della prolungata inattività. Gli unici dubbi che ho sono in mezzo al campo, per il resto la formazione è già definita. Arrigoni troverà spazio in questa fase di campionato, è un giocatore che ci tornerà utile”. 

EMOZIONI DA...DERBY - “Il derby è sempre una partita particolare, una partita diversa dalle altre per emotività e trasporto, dove ci si gioca la supremazia regionale. È una sfida che va affrontata con serenità: il Foggia è una squadra forte e costruita per altri obiettivi, con una rosa di grande livello”.

VOGLIA DI RISCATTO - “Dopo la sconfitta di Palermo dobbiamo ripartire: domani sarà una partita dove siamo chiamati a vincere ma questo possiamo farlo solo tramite la prestazione. Abbiamo rispetto e giocheremo con grande umiltà. Il Lecce oggi è una squadra con tante certezze, che ha rabbia e che vuole prendersi quello che è mancato a Palermo. Il Foggia credo che cambierà poco, rispetto all’ultimo periodo, credo che schiereranno una formazione equilibrata cercando di limitare i nostri pregi. Sono una squadra elastica a prescindere dai moduli”.

SCATTO FINALE - “Il fatto di competere per vincere è un qualcosa che va costruito gradualmente, ci vogliono organizzazione e giocatori di qualità, poi ci vuole la mentalità. Alla fine del campionato la squadra che vince è quella che si riesce ad aggiudicare le partite anche nei periodi negativi. Noi sotto questo profilo dobbiamo crescere, ma credo sia legittimo per una neopromossa avere lacune da migliorare. In campionato contro il Palermo il Lecce ha perso due partite con lo stesso risultato ma dimostrando una grande crescita nell’arco di un girone”. 

DERBY CON LA DIVISA STORICA - “Quando si tocca la storia di una società è sempre un momento bello. I tifosi? Tranne dopo la partita col Siracusa quando abbiamo avuto un confronto civile e rispettoso noi non abbiamo avuto mai momenti negativi e la gente ci è sempre stata vicina. I tifosi giallorossi sono tra i primi posti per pubblico, sia in casa che in trasferta: non posso dimenticare la spinta che ci ha dato quando perdevamo 0-2 col Livorno. La gente risponde sempre presente, mi piacerebbe avere lo stadio sempre tutto pieno. Ancora in campionato è tutto aperto, l’unica cosa di cui siamo sicuri è la salvezza. Per il resto tutti hanno possibilità importanti”.