Pietro Stranieri, difensore del Nardò, ha parlato ai microfoni di TuttoCalcioPuglia.com per analizzare il periodo positivo dei neretini e la prossima sfida contro il Taranto. Queste le sue dichiarazioni.

Il Nardò arriva alla gara contro il Taranto in un ottimo momento di forma. Quali sono le vostre sensazioni a due giorni dalla gara del "Giovanni Paolo II"?
"Le sensazioni sono quelle che ci portiamo avanti da sette partite. Siamo in una buona condizione e ci alleniamo bene, ma sappiamo che affronteremo una squadra che è tra le papabili alla vittoria del campionato. È vero che il pareggio con il Casarano domenica scorsa ha complicato un po' le cose, però sarà comunque una gara difficilissima".

Il presidente del Taranto, Massimo Giove, ha dichiarato che ormai il primo posto è irraggiungibile. Questo potrebbe essere uno svantaggio per i rossoblù?
"Sono frasi che tirano in inganno, conoscendo la loro rosa se la giocheranno fino alla fine. Noi non dimentichiamo la sconfitta dell'andata, sarà una delle gare più difficili. Mancano ancora tante partite quindi il Taranto può farcela, ha la possibilità di vincerle tutte e c'è il massimo del rispetto da parte nostra". 

La crisi delle prime giornate è ormai un lontano ricordo, cosa è scattato in voi per arrivare a questa striscia positiva?
"Noi siamo una squadra giovanissima, non è facile stare sempre sul pezzo dopo che si perdono nove gare su dieci. Ma forse queste sconfitte ci hanno fatto maturare e tanta gente ha capito l'importanza e la difficoltà di questo torneo. Non c'è mai la possibilità di giocare in maniera spensierata, siamo stati bravi a non abbatterci ma abbiamo ancora un cammino importante davanti". 

Ci sono differenze tra questo girone H e quello degli anni passati?
"Questo campionato è composto da tante squadre con un passato importante, penso che sia uno dei più equilibrati di questi ultimi anni. Anche la lotta per la salvezza è durissima".
 

Sezione: NARDÒ / Data: Ven 17 Gennaio 2020 alle 15:30
Autore: Manuel Panza / Twitter: @manuel_panza
Vedi letture
Print