INTERVISTA - Nardò, Taurino: "A Sorrento niente calcoli. Per vincere servono voglia e concentrazione"

15.03.2019 20:30 di Domenico Brandonisio   Vedi letture
INTERVISTA - Nardò, Taurino: "A Sorrento niente calcoli. Per vincere servono voglia e concentrazione"

Niente calcoli, bisogna dare tutto per ottenere il massimo possibile, a prescindere dall'avversario turno. E' questa la parola d'ordine di Roberto Taurino. Il mister del Nardò è carico in vista della sfida di domenica in programma contro il Sorrento: "E' uno scontro salvezza a tutti gli effetti - dichiara ai nostri microfoni - ormai credo che i miei ragazzi abbiano preso atto della nostra situazione e dei nostri obiettivi. Ci sono 8 battaglie da affrontare e 24 punti in palio, bisogna restare concentrati. Certo, un girone fa di questi tempi si parlava d'altro. Ma i bilanci li faremo alla fine. Inutile, per il resto, pensare a quello che è stato. Ragioniamo sul presente e cerchiamo di restare in D. L'obiettivo permanenza va raggiunto ed è fondamentale". 

Qualche buona novità arriva dall'infermeria, tuttavia le incertezze e le indisponibilità permangono, cosi come la squalifica di Versienti: "Torna con noi Gigante, migliorano le condizioni di Prinari. Ha avuto diverso problemi fisici ed anche una pubalgia, quest'ultima ora pare sia finalmente alle spalle. Kyeremateng è in forse, se non recupera per questa domenica sarà pronto per la prossima. Per tutti gli altri bisognerà aspettare. Difficile siano dei nostri Palmisano e Cordella, hanno ancora qualche acciacco. Bisognerà pazientare almeno per un'altra settimana. Formazione? Scenderà in campo chi dimostrerà di volere davvero la maglia da titolare, aldilà dei nomi. Poi vedremo come si svilupperà la partita". 

Tra gli uomini a disposizione dei granata anche Bolognese, già passato dalla convocazione di mister De Patre per la Rappresentativa Nazionale di Serie D: "Peccato non abbia disputato il Torneo di Viareggio. Pensando al nostro orticello potremmo essere contenti della sua presenza, conto quindi di ritrovarlo ricaricato. E perché no, ricco d'orgoglio. Bisogna comunque essere soddisfatti per il percorso che sta facendo. Ha fatto parte di una cerchia ristretta. Si è messo in mostra, questo è un buon segnale". 

Massimo rispetto per il Sorrento, in serie positiva da tre turni. Ma la vittoria va centrata ad ogni costo: "Non firmerei per il pari, personalmente non credo molto alle tabelle. Non ci sono squadre con cui è possibile fare punti ed altre meno. Andrà fatta una buona fase difensiva. Ci aspetta una partita complicata, possiamo vincere. Le possibilità di riscatto diminuiscono, bisogna crederci. Dovremo inoltre restare concentrati, vanno evitate ingenuità che a conti fatti possono costare caro. Anche delle squalifiche. In campo bisogna essere lucidi ed equilibrati. Rispondere con gli isterismi nel calcio non ha mai portato a nulla. Il Sorrento per il resto ha giocatori di esperienza e qualità, Herrera e De Angelis hanno valore, vantano esperienze tra i professionisti. Vitale invece è un giovane interessante che si sta mettendo in mostra. Non avrei mai pensato di ritrovare i campani a lottare per la salvezza. Ma dall'esterno è sempre difficile giudicare gli altri".