Nardò, Taurino: "Il peggio non è ancora passato. Serve fame e concentrazione". Fiocco rosa in casa Arario

08.02.2019 20:00 di Domenico Brandonisio  articolo letto 390 volte
Nardò, Taurino: "Il peggio non è ancora passato. Serve fame e concentrazione". Fiocco rosa in casa Arario

Lam vittoria di domenica val bene una boccata d'ossigeno. Ma per il Nardò la fase critica della stagione, secondo Taurino, non è ancora passata. Contro la Gelbison sarà una domenica di passione: "E' una squadra - dichiara in conferenza stampa - che in questo campionato ha sfoggiato buone prestazioni. Parliamo di un sodalizio forte, anche se reduce da una brutta sconfitta a Sarno. Sono invischiati anche loro nella zona bassa di classifica. Ogni partita sarà una battaglia pericolosa. E la trasferta di domenica è una di queste, ovviamente. Col Granata Ercolanese abbiamo raccolto una vittoria che ci serviva davvero tanto, mentalmente ci ha fatto bene. E' il momento di tirare fuori tutto quello che si ha dentro per raggiungere l'obiettivo che ci siamo prefissati. Pensiamo a portare a casa prima di tutto la salvezza. L'inferno non è ancora passato". 

Per questo prosegue nella spiegazione: "Nella prima parte di stagione forse siamo andati un po' oltre le nostre possibilità. Magari ci abbiamo messo del nostro nelle ultime prestazioni negative, delle qualità le abbiamo ancora. Forse ad un certo punto della stagione abbiamo perso entusiasmo e, quindi, siamo scivolati in classifica. Lotteremo per portare a casa il numero di punti più alto possibile. La gente non credo si stia rendendo conto dei problemi che effettivamente ci sono". 

Si festeggia, al contempo, la nascita della figlia di Alan Cristian Arario: si chiamerà Francesca