Un anno di Nardò: bel gioco e salvezza vicina, altro capolavoro di Taurino

31.12.2018 17:00 di Dennis Magrì  articolo letto 91 volte
Un anno di Nardò: bel gioco e salvezza vicina, altro capolavoro di Taurino

Un progetto serio, da portare avanti con entusiasmo. E' stato un 2018 ricco di soddisfazioni per il Nardò, che in tutto l'anno solare ha perso solo sette volte: tre da gennaio a maggio, contro Frattese, Cavese e Team Altamura, quattro nel campionato attuale contro Team Altamura, Gelbison, Picerno e Nola. Tutto sommato dodici mesi da incorniciare per la compagine granata, dall'ottavo posto della scorsa stagione a quello attuale, ma con pochi punti di distacco dalla zona play-off (appena 2). 

Come al solito tanti giovani da valorizzare, una salvezza da raggiungere (e se il passo è questo non tarderà ad arrivare...) ed un tecnico in panchina che punta a dare continuità. Nel segno del bel gioco e dei punti: per Roberto Taurino la media da allenatore del Nardò è di 1,59 a partita, per un totale di quarantanove presenze a bordo della truppa granata. Al ritorno dalla sosta dovuta alle festività, l'incrocio con la bestia nera dell'ultima annata: quella Team Altamura in grado di vincere entrambi gli scontri diretti del 2018.