Bisceglie-Bari, derby tra deluse a caccia di rilancio. Ma quanti intrecci!

07.11.2019 17:00 di Domenico Brandonisio   Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Bisceglie-Bari, derby tra deluse a caccia di rilancio. Ma quanti intrecci!

Ci sono partite che mai penseresti di poter raccontare o vivere, se non in un'altra vita. Ecco: Bisceglie-Bari, per i tifosi di entrambe le squadre, rientra tra queste. L’incrocio tra nerazzurrostellati e biancorossi è infatti inedito: mai le due squadre si sono incontrate in gare ufficiali. Solo una volta in amichevole: era il 2011, 1-2 il risultato finale del 'Ventura'. In panchina per i galletti c'era Torrente, a segno per i padroni di casa ci andò invece Moscelli. 

Una prima volta che sarà difficile da dimenticare. Per molti ex di giornata, ma non solo. Si pensi ad Ebagua: attaccante che in biancorosso non ripagò le grandi aspettative verso di lui e che ora sempre in Puglia cerca un definitivo rilancio. E poi Turi, che l’anno scorso proprio coi galletti ha vinto sul campo la D. Ora vuol essere un pilastro dei nerazzurrostellati. Bisceglie che ha dato tanto a D’Ursi: momenti esaltanti che ora l’esterno spera di rivivere in biancorosso. Quindi il dimissionario presidente Canonico (oggi è il suo compleanno, ndr). Il ricordo della calda estate del 2018 rimane, lui che mai ha nascosto simpatie verso i biancorossi. Si ritroveranno inoltre da avversari, due stagioni dopo, Vivarini e Pochesci. Allora fu Serie B, con un frizzante Ternana-Empoli finito 1-1.

Sarà soprattutto un derby tra deluse: i galletti sono a -8 dalla capolista Reggina, il Bisceglie è al terzultimo posto ed in piena zona playout. Si può fare di più, ci si aspettava di più. Chi riuscirà a rilanciarsi?