INTERVISTA - Team Altamura, ds Martelli: "Il Taranto è condannato a vincere tutte le partite"

13.03.2019 14:00 di Christian Cesario Twitter:   articolo letto 928 volte
Il diesse Massimo Martelli
Il diesse Massimo Martelli

Dopo una domenica di stop, a causa del Torneo di Viareggio, si torna a respirare l'aria di calcio giocato: allo "Iacovone", il Team Altamura farà visita al Taranto nella sfida valdia per la 27^ giornata di campionato. Ai microfoni di TUTTOcalcioPUGLIA.com, il direttore sportivo dei murgiani, Massimo Martelli, ha presentato la sfida contro il Taranto di mister Panarelli.

VITTORIA NEL DERBY COL BITONTO: IL MORALE - "Sicuramente la vittoria sul Bitonto ci da una grande spinta per questo rush finale: non abbiamo brillato nelle ultime uscite, avevamo bisogno di punti e volevamo riprendere a marciare per raggiungere il nostro obiettivo. Abbiamo messo un altro mattone verso i playoff".

RIPOSO FORZATO: CHI NE HA BENEFICIATO DI PIU? - "Probabilmente il Taranto ha avuto modo di recuperare qualche giocatore in più rispetto a due settimane fa: certamente loro volevano riscattarsi subito dopo la sconfitta col Gravina, giunta in maniera inaspettata. Hanno tirato un pò il fiato anche se sono certo che avrebbero preferito giocare già domenica scorsa".

LA SFIDA COL TARANTO - "Mi aspetto una partita molto difficile: giocheremo contro una squadra che vorrà vincere e dal primo minuto cercheranno di fare loro la partita. Taranto è una grande piazza e sono costretti a vincere. Noi, dal nostro canto, cercheremo di uscire indenni dallo "Iacovone", cercando di portare almeno un punto a casa. L'impatto ambientale? In Serie D, non tutti riescono a gestire l'emozione nel giocare in un impianto simile, col pubblico rossoblù che spesso e volentieri è il dodicesimo uomo in campo: credo che la tifoseria possa incidere molto sull'andamento dell'incontro, anche se sarà sempre il campo a sancire il risultato finale".

DAL TARANTO AL TARANTO - "Anche nel girone d'andata, giungemmo alla partita col Taranto dopo dei risultati negativi e l'esonero di De Luca: mister Dibenedetto guidò la squadra e riuscì a conquistare un pareggio d'oro. Dopo le dimissioni di Cozza, abbiamo scelto di riaffidargli la squadra in quanto conosce il nostro ambiente ed il modo di lavorare: sono certo che starà preparando la sfida nei minimi dettagli e non vorrà sfigurare nel match di domenica prossima".

OBIETTIVO PLAYOFF - "Non ci siamo mai nascosti: abbiamo allestito una squadra per conquistare la zona alta della classifica ed ottenere un piazzamento nella zona playoff. La vittoria sul Bitonto ci ha permesso di mettere un ulteriore tassello verso questo obiettivo: al termine del campionato, poi, tireremo le somme".

SFIDA PER LA C: E' LOTTA A DUE? - "Credo che il Taranto sia ancora in corsa per raggiungere il primo posto: sicuramente otto punti dal primo posto non sono pochi ma ci sono ancora otto partite da disputare e gli scontri diretti come Picerno-Taranto e Cerignola-Picerno; inoltre, i lucani dovranno scontrarsi col Bitonto all'ultima giornata. Il Taranto è condannato a vincere tutte le partite ma, fino alla fine, potrebbe rosicchiare qualche punto importante".