È da poco terminato il consiglio direttivo della Lega Nazionale Dilettanti. All’ordine del giorno c’era il tema della ripartenza del campionato di Eccellenza. Questo ciò che emerso dalla riunione fiume che si è tenuta a Roma da questo pomeriggio fino a sera inoltrata: si è deciso di inoltrare richiesta al alla FIGC e Coni per il riconoscimento del campionato di Eccellenza, C1 di calcio a 5 maschile e femminile di interesse nazionale. Qualora si riuscisse ad ottenere l’autorizzazione, si potranno svolgere gli allenamenti collettivi. Successivamente si aspetterà il prossimo DPC e da domenica 13 marzo si riprenderà con un protocollo nel caso in cui lo preveda il DPC. 

Inoltre, è stata data facoltà ai comitati regionali, dopo aver richiesto al consiglio federale una deroga all’art. 49, di proseguire con l’attuale format o di scegliere un nuovo format. Per le società che non vorranno ripartire, gli sarà concessa la categoria a condizione che paghino per intero la tassa di iscrizione. Il Consiglio Direttivo della LND ha altresì delibarato di richiedere alla FIGC la proroga dei termini dei tesseramenti e dei trasferimenti dei calciatori e delle calciatori fino al 31 marzo 2021. 

“Promuovere il calcio e giocarlo é la nostra missione – ha affermato il presidente Cosimo Sibilia – e porre le condizioni per la ripresa dei nostri massimi campionati regionali rappresenta un segnale di speranza per tutto il movimento del calcio dilettantistico. Ma dobbiamo essere consapevoli della grande responsabilità di questa scelta e di complessità che ricadono non solo sulla LND ma anche su tutti quelli che hanno aperto a questa prospettiva, alimentando le speranze di club e tesserati. Quella disponibilità deve essere confermata, su tutti i fronti, soprattutto quelli economici, altrimenti ogni sforzo sarà stato vano”.

Sezione: ECCELLENZA&PROMOZIONE / Data: Sab 06 febbraio 2021 alle 00:25
Autore: Christian Cesario / Twitter: @otherside1993
Vedi letture
Print