INTERVISTA - Bitonto, Biason: "Taranto favorito ma vogliamo dire la nostra"

23.08.2019 12:45 di Christian Cesario Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA - Bitonto, Biason: "Taranto favorito ma vogliamo dire la nostra"

E’ stato uno dei primi giocatori ad essere riconfermato nel progetto biancoverde del patron Rossiello: Carlos Turu Biason, centrocampista del Bitonto, ha parlato ai microfoni di TUTTOcalcioPUGLIA.com delle motivazioni che lo hanno portato a proseguire il rapporto con la società ed ha presentato il prossimo campionato di Serie D, ormai alle porte.

Hai deciso di rinnovare il contratto col Bitonto: cosa ti ha portato a compiere questa scelta?

“Sicuramente la serietà della società: non ti fanno mancare nulla, il Presidente ha le idee chiare sui progetti futuri. E’ una società che ambisce a qualcosa di importante: c’è un sogno da cullare e voglio provare, insieme ai miei compagni, a realizzarlo”.

Una nuova stagione, ricca di insidie, è alle porte: il Bitonto è cambiato tanto sia sotto il profilo della guida tecnica ma, soprattutto, dai componenti della rosa. Che gruppo si sta creando e quali sono i vostri obiettivi?

“C’è stato un cambiamento notevole nella nostra squadra: i ragazzi che sono rimasti dallo scorso anno, hanno il compito di amalgamare il gruppo, rendendolo coeso ed unito. Sappiamo che il gruppo è importante per fare un campionato di vertice: bisogna pedalare tutti nella stessa direzione. Sicuramente siamo ancora agli inizi ma credo che il nostro sia un gruppo molto unito e che abbia tanta voglia di fare cose importanti”.

Esordio a Francavilla, debutto tra le mura amiche con Gladiator e poi derby, in trasferta, col Fasano: come giudichi l’avvio del calendario?

“Sicuramente c’è chi può pensare che il nostro avvio sia più leggero rispetto ad altre squadre però tutte le partite vanno affrontate con la giusta determinazione: in campo siamo sempre undici contro undici ed ogni gara sarà una battaglia. Nelle prime partite di campionato non si è mai al top: siamo consapevoli delle nostre forze e cercheremo di ottenere un buon avvio di campionato per poi cercare di raggiungere, a fine stagione, i nostri obiettivi prefissati”.

Nella tua carriera, con la maglia della Virtus Francavilla, hai già ottenuto la promozione dalla D alla C: qual è il segreto per raggiungere questo obiettivo?

“Il sacrificio, in primis: lo spirito di gruppo, poi, ti consente di fare qualcosa di importante. Un gruppo coeso, dove non ci siano litigi e ci siano sempre cose positive all’interno dello spogliatoio senza, ovviamente, trascurare il lavoro settimanale che è importantissimo per fare un campionato da vertice”.

Il prossimo campionato di Serie D prevede la presenza di 11 squadre pugliesi: che tipo di stagione ti aspetti?

“Sarà un campionato durissimo: degli ultimi 10 anni, è il campionato di Serie D più duro. Noi ci faremo trovare pronti: cercheremo di fare un grande campionato, avendo contro tante squadre che si sono ben attrezzate e ci sarà da combattere”.

Se dovessi fare una graduatoria, chi vedresti favorito?

“Il Taranto ha fatto un mercato importante insieme al Casarano: non bisogna sottovalutare poi Cerignola e Foggia che stanno acquistando giocatori importanti. Sicuramente ci sarà la sorpresa come ogni anno ma noi non siamo da meno: vogliamo essere nelle zone alte della classifica e giocarci le nostre carte”.