Il Fasano chiude il 2019 con un sorriso. Un’annata che resterà nel cuore degli appassionati biancazzurri, che dopo il ritorno nell’estate del 2018 in Serie D, prima concludono la prima stagione al settimo posto in classifica (a nove punti dal quinto posto, ultimo disponibile per disputare i play-off) e un obiettivo, quello dichiarato in estate, di provare a migliorare la stagione passata. 

IL PRESENTE. L’attualità dice Fasano quarto in classifica, con trenta punti conquistati nel girone di andata e sette in meno di Bitonto e Foggia, le due capoliste. Frutto di nove vittorie, tre pareggi e cinque sconfitte. La squadra allenata da Laterza ha il secondo miglior attacco del campionato 2019/20, oltre che una buona difesa (diciotto gol subiti in diciassette partite). Ganci e compagni hanno battuto il Taranto, il Foggia e il Bitonto, ad esempio. Ma anche valorizzato calciatori del calibro di Corvino, Diaz e Rizzo. Insomma, le note negative sono davvero poche.

IL SOGNO. Il 4 agosto 2019 è una data che resterà a lungo nella mente dei tifosi fasanesi: la prima volta in Coppa Italia, quella dei grandi. Strada subito sbarrata dal Sudtirol di Stefano Vecchi, ma anche gli applausi degli addetti ai lavori per aver dato filo da torcere a una squadra di categoria superiore. Il merito va al club intero e a un presidente serio e preparato come Franco D’Amico, che in estate ha pure annunciato: “Non vogliamo scommesse sulle nostre partite”. La classe non è acqua.

Sezione: FASANO / Data: Mar 31 Dicembre 2019 alle 19:00
Autore: Dennis Magrì
Vedi letture
Print