Lecce, Liverani: "Non possiamo regalare venti minuti agli avversari, buon arbitraggio"

08.12.2019 15:44 di Stefano Sozzo Twitter:    Vedi letture
Fonte: Matteo Bottazzo
Lecce, Liverani: "Non possiamo regalare venti minuti agli avversari, buon arbitraggio"

Mister Liverani parla della gara in sala stampa, queste le sue dichiarazioni: “Sono dell’avviso che l’arbitro abbia diretto la gara egregiamente. L’unico errore è stato il recupero, il primo gol del Genoa mi è sembrato regolare. È come se ci dovessimo riscaldare per quarantacinque minuti prima di affrontare la gara, regaliamo i primi tempi agli avversari. Questi primi venti-venticinque minuti stanno diventando abituali e questo non va affatto bene. I ragazzi che stanno arrivando dalla panchina stanno dando qualcosa in più. Falco non aveva i novanta minuti, ancora meno Farias. Adesso si riprende e ci alleneremo con intensità, chi andrà a tremila dalla ripresa fino a venerdì, giocherà a Brescia. Giovedì e venerdì abbiamo lavorato sulla fase di non possesso, oggi non l’ho vista applicata. Babacar ha giocato male nel primo tempo, ma non solo lui. Vorrei incassare dei gol su situazioni differenti, quelli di oggi mi fanno arrabbiare molto. La partita deve essere vista in questo modo, se guardo le occasioni nella totalità sono due punti persi se penso al primo tempo sono due punti guadagnati. I ragazzi devono saper gestire gli episodi ed indirizzare la gara a nostro favore. Non sapere gestire la palla e non sapere cosa fare in undici contro nove mi preoccupa. Tachtsidis ha grandi qualità ma mi aspetto da un giocatore come lui di un metro e novantacinque per novanta chili di saper gestire i palloni. Non può perdere tutti quei duelli a centrocampo, deve essere più importante. Dispiace che i ragazzi non stiano riuscendo a raccogliere più di quello che fanno. Io li vedo durante la settimana, la squadra merita la vittoria in casa. Però, come detto più volte, non deve essere un tarlo. Dobbiamo crescere mentalmente. Il tridente Falco-Farias-La Mantia è una possibilità. Purtroppo la condizione non era delle migliori, spero che da qui in avanti non avremo problemi fisici. C’è bisogno di continuità”.