Taranto, Croce sui social: "Cercano di infangare il mio nome, chiunque si sarebbe difeso così"

18.04.2019 22:03 di Manuel Panza Twitter:    Vedi letture
Taranto, Croce sui social: "Cercano di infangare il mio nome, chiunque si sarebbe difeso così"

Attraverso il proprio profilo di Instagram, Antonio Croce ha voluto raccontare la sua versione sugli episodi di Picerno, smentendo le voci che lo accusavano di aver fatto partire la rissa. Questo il suo post pubblicato sui social: "È impensabile che ci siano persone che cercano di infangare il mio nome per raggirare colpe a me non imputabili. Continuo a leggere dichiarazioni e commenti tra gli addetti ai lavori dove si dichiara che sia stato io il fautore di una vera e propria aggressione premeditata e ripeto premeditata subito in occasione di una gara di calcio. Sicuramente la giustizia farà il suo corso però io vi posso assicurare che avrebbe reagito chiunque in sua difesa e in difesa di un compagno colpito addirittura con una cazzottiera(se non fossi intervenuto in sua difesa non so cosa sarebbe successo). Avvalorano quanto sto dichiarando anche immagini dove si vede chiaramente la mia estraneità ai fatti in quanto il giocatore d’alessandro è nelle immagini addirittura alla fine di quanto accaduto...viva lo sport sempre".