Il calcio... social: il logo del Bari divide, il caso Chiricò spacca. E Pellegrino regala i guanti all'addetto stampa

14.09.2018 08:30 di Dennis Magrì Twitter:   articolo letto 1883 volte
Il calcio... social: il logo del Bari divide, il caso Chiricò spacca. E Pellegrino regala i guanti all'addetto stampa

Il calcio non ha mai messo d'accordo nessuno a scuola, nei bar oppure nei salotti italiani avanti la tv, figuriamoci oggi con i vari social network. Ieri, ad esempio, è stato svelato il nuovo logo del Bari, quello pensato e realizzato su ordine di De Laurentiis. Risultato? A gran parte dei tifosi biancorossi piace e soprattutto galvanizza il ritorno del galletto; per altri, invece, è proprio la forma e la rappresentazione del simbolo del club a lasciare perplessi (per molti "ingiustamente ridisegnato").

E che dire del caso Lecce? La bufera legata a Cosimo Chiricò ha diviso il pubblico allo stadio e nei vari gruppi social. La società, per ristabilire un clima di serenità, ha deciso di mettere fuori rosa un calciatore sul quale aveva investito settimane fa. Adesso "a protestare" sono coloro che si sono schierati a favore del ritorno dell'esterno offensivo e che hanno accolto le scuse. La parola fine su questa telenovela, però, sembra essere arrivata.

Anche cose belle. Su Facebook l'addetto stampa del Taranto, Eligio Galeone, ha postato una foto con lo spontaneo regalo del portiere Paolo Pellegrino, tornato in rossoblù dopo aver indossato la maglia degli ionici nella passata stagione. Il numero uno aveva chiesto di conservare la copia di giornale contenente una sua intervista, prontamente consegnata il giorno del suo "ritorno a casa". In cambio i guantoni, la cosa a cui un estremo difensore tiene maggiormente. Perché, come si legge alla fine del post, "il calcio è di chi lo ama". Anche nell'era dei social.