Virtus Francavilla, D'Agostino: "Portato in alto i nostri colori. Futuro? Parlerò col club"

 di Dennis Magrì Twitter:   articolo letto 879 volte
Virtus Francavilla, D'Agostino: "Portato in alto i nostri colori. Futuro? Parlerò col club"

Gaetano D'Agostino, tecnico della Virtus Francavilla, ha commentato così la sconfitta per 4-3 contro la Juve Stabia: "Faccio un in bocca al lupo alla Juve Stabia, che merita di andare avanti. Qualcosa dovevamo concedere questa sera, ma abbiamo preso gol su errori dei singoli, qualcuno per inesperienza e per troppa foga. Abbiamo comunque giocato e costruito: i ragazzi hanno accorciato le distanze, poi fatto il 3-3. Dispiace per l'errore nell'azione del 4-3, nel recupero avremmo potuto impaurire le Vespe".

Non aveva più cambi nel finale...
"L'unico rammarico è stato quello di non avere cambi. Biason non sta benissimo, De Toma era stirato, Sicurella ha dato forfait all'ultimo e la panchina era piena di ragazzini. L'unico esperto era Anastasi ed è entrare. Errore Monaco? Ci sta nel calcio di sbagliare".

Cosa ha pensato sul 3-3?
"Sul 3-3 ci credi, ti sale l'adrenalina, ma anche la frenesia di voler spaccare il mondo e quindi al primo errore loro sono ripartiti e ci hanno castigato. Rimane il fatto che abbiamo creato dieci occasioni da gol qui, come nessuno quest'anno. Abbiamo portato in alto i colori del Francavilla e siamo usciti a testa alta".

Stagione comunque positiva?
"Si è permesso ai tifosi ed alla squadra di sognare. Nei play-off ci guardano tutti, c'è l'occhio degli addetti ai lavori. Abbiamo proposto calcio, le reti sono arrivare da azioni manovrate. I ragazzi sono cresciuti, ognuno di loro saprà dire la propria il prossimo anno".

Ha preso valore anche il tecnico... Adesso?
"Vado dalla mia famiglia che non vedo da tre mesi, forse gli unici contenti erano loro (sorride, ndr). Stacchiamo un po' la spina. Per rispetto del Presidente, essendo riconoscente, la prima chiacchierata sarà col club: vorrei sapere i loro progetti, poi illustrerò i miei"