INTERVISTA - Bitonto, Figliola: ''Guai a sottovalutare il Taranto: non sono in crisi"

16.10.2019 14:15 di Christian Cesario Twitter:    Vedi letture
INTERVISTA - Bitonto, Figliola: ''Guai a sottovalutare il Taranto: non sono in crisi"

É stato confermato, a pieni voti, dopo la passata stagione: Antonio Figliola, portiere del Bitonto, ha parlato in esclusiva ai microfoni di TUTTOcalcioPUGLIA.com del periodo di forma della squadra di Taurino e della prossima sfida di campionato, in programma allo stadio “Città degli Ulivi”, contro il Taranto di Nicola Ragno.

Nell’ultima giornata di campionato, siete riusciti ad uscire imbattuti dallo scontro diretto col Cerignola: che tipo di partita è stata?

“É stata una partita molto difficile: conoscevamo il valore del Cerignola. É stata una sfida molto equilibrata: entrambe le squadre hanno avuto l’occasione per passare in vantaggio ma non sono state sfruttate a dovere. Abbiamo raccolto, però, un punto su un campo difficile”.

Nell’anticipo dell’ottava giornata di campionato, giungerà il Taranto di Nicola Ragno: una squadra accreditata per la vittoria finale ma che, al momento, sta riscontrando delle difficoltà nell’esprimere il proprio gioco. Che gara ti aspetti?

“Non dobbiamo pensare che il Taranto sia in crisi: domenica sono ritornati alla vittoria. Sono una squadra fortissima e, anche se hanno avuto un periodo poco positivo, sono vicini a noi in classifica. Sarà importante cercare di conquistare i tre punti davanti al nostro pubblico contro un avversario molto ostico”.

Dalla semifinale playoff persa con gli ionici alla prossima sfida di campionato: qual è stato il percorso di crescita del Bitonto in questi primi mesi sotto la gestione di mister Taurino?

“Nella sfida playoff dello scorso anno, siamo stati penalizzati dalla sfortuna: nonostante avessimo messo in campo una buona prestazione, non riuscimmo a passare il turno ed approdare in finale. Con l’arrivo di Taurino, stiamo riuscendo ad essere più concreti ed a conquistare risultati importanti: basti guardare i risultati delle ultime tre partite, dove non abbiamo mai subito gol ed abbiamo portato a casa sette punti su nove disponibili”.

Le sconfitte subite nelle prime giornate contro Fasano ed Agropoli hanno ridimensionato quelli che sono i progetti della vostra società? Qual è l’obiettivo che si è prefissato il Bitonto all’inizio dell’anno?

“L’obiettivo è quello di cercare di stare più in alto possibili, in classifica. Le due sconfitte, durante il campionato, ci possono stare: ogni domenica ci si ritrova ad affrontare partite rognose, un passaggio a vuoto può capitare. L’importante è ripartire più forti di prima, non abbattersi e reagire già dalla domenica successiva”.

Dal punto di vista personale, come vivi la concorrenza con Zinfollino, tuo compagno di reparto?

“La concorrenza, per noi, non può essere che positiva: ci spinge a dare il massimo in ogni allenamento. Tocca poi al mister fare le scelte e decidere chi schierare la domenica ma noi dobbiamo farci trovare pronti in ogni momento”.

Dopo sette giornate, il Fasano è in vetta alla classifica con le big del campionato chiamate ad inseguire: ti aspettavi questo avvio?

“Sinceramente sì: mi aspettavo un campionato molto equilibrato, almeno all’inizio. Nel girone di ritorno si delineeranno, poi, le squadre al vertice. All’inizio, però, credo sia normale questo equilibrio: ancora non sono usciti i veri valori di alcuni club che stanno trovando delle difficoltà. La seconda parte della stagione sarà quella fondamentale”.