Verso Taranto-Granata: ionici a caccia del riscatto e del secondo posto

13.04.2019 11:30 di Christian Cesario Twitter:    Vedi letture
Verso Taranto-Granata: ionici a caccia del riscatto e del secondo posto

Operazione secondo posto: la 31^ giornata del campionato di Serie D/H impone al Taranto di concentrarsi, definitivamente, ai playoff. Seppur la matematica non condanni ancora i rossoblù, sarebbe davvero un’impresa recuperare 10 punti al Picerno, capolista del girone, che già domenica avrà il primo match point per festeggiare la promozione in C.

QUI TARANTO - Inizierà col match contro il Granata la rincorsa al secondo posto del Taranto: dopo il ko subito domenica scorsa col Francavilla di Ranko Lazic, i rossoblù hanno lavorato per tutta la settimana allo “Iacovone” con lo scudo protettivo del “silenzio stampa”, imposto dalla società ionica. Gli uomini di Panarelli, attualmente terzi in classifica, devono quantomeno cercare di chiudere il campionato al secondo posto, occupato dal Cerignola: una sola lunghezza divide le due squadre che, in queste ultime giornate, hanno l’obiettivo in comune di ottenere il miglior piazzamento in classifica in ottica playoff. Il tecnico rossoblù ritrova, anche, Fabio Oggiano: l’esterno offensivo aveva saltato la sfida contro i lucani per squalifica.

QUI GRANATA – Gli uomini di Antonio Maschio, ormai retrocessi matematicamente da diverse settimane, vogliono onorare il campionato fino all’ultima giornata: senza capitan Tufano e De Crescenzo (appiedati per un turno dal giudice sportivo) il Granata, libero da ogni pressione psicologica, proverà a strappare un risultato positivo nel palcoscenico dello “Iacovone”.

La partita tra Taranto e Granata sarà diretta dal sig. Valerio Crezzini di Siena; gli assistenti, invece, saranno i sigg. Alessio Carraretto di Treviso e Caterina Sugamiele di Cesena. La sfida dello “Iacovone” potrà essere rivista, in differita, Antenna Sud Eventi (canale 174 del DTT) lunedì 15/04 alle ore 17.00 e martedì 16/04, alle 15.00: commento a cura di Giuseppe Di Cera e Christian Cesario.