Concludere il campionato dopo aver superato l'emergenza sanitaria. È questa la posizione del Bari di Luigi De Laurentiis, ed è stata anche questa la volontà espressa nel tavolo dell'assemblea di Serie C, che si è tenuta ieri in call conference. Ora toccherà al presidente Francesco Ghirelli scovare e intraprendere una strada percorribile nelle prossime settimane, ovviamente di pari passo con il calo dei contagi che i virologi si aspettano nei prossimi giorni: la metà di maggio potrebbe essere il periodo individuato per tornare in campo. Ovviamente a porte chiuse, ma sconfinando con quelle che sono le scadenze dei contratti al 30 giugno. 

La società biancorossa rientra in quella frangia di club che caldeggiano proprio l'ipotesi di continuare a giocare quest'estate, ma finendo sul campo ciò che si è cominciato lo scorso agosto. Senza alcun blocco del torneo e con i verdetti da far maturare sul rettangolo verde. È rinviato, invece, l'accordo con i calciatori tra la Lega Pro e l'AIC per gli stipendi di aprile, anche se è difficile che si trovi una soluzione unica per tutte le squadre e le diverse società potrebbero procedere a trattative private con i propri tesserati per non andare in difficoltà. Insomma, tanti ostacoli da superare in settimane che saranno di fuoco per il calcio italiano. 

Sezione: BARI / Data: Sab 04 aprile 2020 alle 10:30
Autore: Davide Abrescia
Vedi letture
Print