Tre partite al termine del campionato per il Lecce. Nel momento più delicato della stagione, il presidente Sticchi Damiani vuole fare gruppo, ancora di più dopo la sconfitta interna col Cittadella: "Ci saremo tutti, infortunati, squalificati, tutti i magazzinieri, i fisioterapisti, si vince e si perde insieme. Ci aiuterà una vigilia di riflessione trascorsa in maniera tranquilla, con la forza che ci deriva dall’orgoglio che stiamo facendo comunque qualcosa di grande, con un significativo anticipo sugli obiettivi programmati. Li ho visti molto dispiaciuti per l’esito della partita, ho cercato di tirarli subito su. Mi piace vedere il lato positivo e non arenarmi sui rimpianti. Sarebbe troppo facile quando le cose non vanno bene, non è il mio modo di fare. É stata una di quelle partite, quella col Cittadella, nel corso delle quali tutti gli episodi ti vanno contro, subisci un gol ancora una volta su una sfortunata deviazione, colpisci il palo con Majer, segni un gol in fuorigioco, Rosafio, il ragazzo leccese del quale abbiamo ammirato lo stile, su un rilancio realizza un gran gol".

Sull'accoglienza dei tifosi al Via del Mare: "L'accoglienza di sabato allo stadio degli ultras è stata commovente, e ringrazio le autorità per averci consentito di avvicinarci qualche metro per sentire i loro cori. Senza l’incitamento, del nostro pubblico è davvero dura. Sabato abbiamo avuto un assaggio di quello che sarebbe stato il Via del Mare pieno per 95 minuti. Difficilmente il risultato della partita sarebbe stato lo stesso".

Sezione: LECCE / Data: Lun 03 maggio 2021 alle 13:30
Autore: Christian Cesario / Twitter: @otherside1993
Vedi letture
Print