Che abbia inizio la settimana della verità per la Serie C. Dopo la guerra politica tra FIGC e Lega Pro, tra il numero uno del calcio italiano Gabriele Gravina e il presidente della terza serie italiana Francesco Ghirelli, la Serie C sembra arrivata a uno snodo cruciale. Il 28 maggio, giovedì prossimo, ci sarà un incontro tra la FIGC, il Governo e le Leghe per capire se fattibile la ripartenza del calcio in Italia. Un occhio particolare ovviamente è rivolto alla terza serie italiana con quasi tutti i club che hanno manifestato la volontà di non tornare in campo.

Il Bari, invece, attende e spera. Che almeno i play-off si possano fare in questo clima di incertezza che avvolge il calcio. Quasi impossibile riprendere con il calendario ordinario, dunque le ipotesi potrebbero essere o miniplayoff o criteri stabiliti dalla Federcalcio per la quarta promozione, così come spiegato dopo il Consiglio Federale. Ammesso che la promozione non possa arrivare da altre vie. Visto che nelle stanze e nei corridoi del calcio è sempre più frequente il discorso della riforma dei campionati con una Serie B a 40 squadre e una Serie C semiprofessionistica. Giorni decisivi, insomma: o si torna in campo o si riforma il pallone italiano.

Sezione: BARI / Data: Mar 26 maggio 2020 alle 12:15
Autore: Davide Abrescia
Vedi letture
Print