Andrea Cadilli, 21enne sardo e difensore del Foggia, ha parlato del periodo di stop forzato sulle colonne del Corriere dello Sport: "E’ dura farlo in casa, sto provando a eseguire degli esercizi specifici seguendo il programma del nostro allenatore per evitare di buttare all’aria tutto il lavoro fatto quest’anno. Ma vi assicuro che è un’impresa, non c’è paragone con il lavoro che si può fare su un campo di calcio e all’aria aperta". Poi continua sul gruppo: "Siamo un gruppo - si legge sulle colonne del Corriere dello Sport Puglia- abbastanza composito, siamo migliorati tanto allenandoci con mister Corda. Ora avremmo dovuto chiudere la stagione puntando al primo posto. Chissà, forse ci riusciamo a finire il campionato. Lo spero, ma aspettiamo prima di vincere la partita contro il virus che è sicuramente più importante. Al futuro ci penseremo dopo".

Sezione: FOGGIA / Data: Mer 01 aprile 2020 alle 09:15
Autore: Davide Abrescia
Vedi letture
Print