In un duro comunicato, la Lega Pro - al termine del Consiglio Federale - ha voluto ribadire: "La nomina dei nuovi giudici sportivi, dopo l’approvazione del nuovo codice di giustizia sportiva, è stata trasformata, da persone avventate, come la prova di resistenza verso la nuova governance di FIGC. Il vecchio sistema di potere, denominato “ Fra’....ce penso io” le ha provate tutte ma l’indignazione degli onesti era troppo forte. Non si poteva più assistere ad uno scempio di regole e di valori. Oggi, costoro hanno perso. Tutto finito? No, nessuno si illuda che qualcuno abbassi la guardia, si seguiterà a vigilare ed a combattere. Le nomine sono di eccezionale livello qualitativo, assicurano autonomia e danno garanzia sotto il profilo dell’autonomia e del rigore morale".

Sezione: SERIE C / Data: Ven 12 luglio 2019 alle 16:30
Autore: Francesco Ippolito / Twitter: @fraccio
Vedi letture
Print