"Sarà una ripartenza particolare, visto per quanto tempo si è rimasti fermi. Inusuale tornare a giocare ora, ma non si può non essere contenti di questo". Così esordisce ai microfoni di tuttocalciopuglia.com Salvatore Ciullo. Ex calciatore del Lecce, tra le varie, ed allenatore reduce da una fresca esperienza passata col Brindisi, fa il punto della situazione su alcune delle realtà del calcio di casa nostra. 

Tra le sue ex squadre partiamo dal Lecce. Sta venendo fuori una corazzata per la B. 

"Sta facendo bene sul mercato, si conosce l'operato di Corvino, l'obiettivo è tornare in A e stanno arrivando calciatori buoni, importanti. Di sicuro il colpo migliore ad oggi è Coda. Mi piace molto ed in passato ha fatto già molto bene, mi auguro semplicemente che possa ripetersi". 

In Serie D Brindisi e Taranto proveranno a recitare un ruolo importante. Ma quale sarebbe la sua squadra favorita nel girone H per la vittoria finale? 

"Sta mettendo su una buona squadra, può finalmente disputare un altro tipo di campionato ed anche di vertice, complimenti a loro. Quanto al Taranto, dovrà fare a meno di Corvino che ritengo sia un ottimi giocatore. Una tegola non da poco, ed anche se rispetto allo scorso anno manca qualcosa si può sempre fare bene. Favorite? Il Casarano, ha costruito una squadra importante e che sulla carta non dovrebbe avere particolari problemi. Importante è poi prendere le indicazioni dall'allenatore. Può vincere il campionato". 

E se fosse proprio Laterza il valore aggiunto deglio ionici? 

"Per quello che ha fatto a Fasano, soprattutto l'anno scorso, sicuramente. Adesso ha davanti a sé una grande opportunità ed in un grande club. Può misurarsi ulteriormente". 

In Eccellenza, invece, che si aspetta dal Martina? 

"E' cambiato tutto a livello di format. Forse rispetto agli altri anni, vista la suddivisione in due gironi, potrebbe essere meno competitivo come torneo, ma la squadra è di valore e con un passato importante. Può riuscire a centrare il salto di categoria". 

Chiudiamo con la Virtus Francavilla. Gli imperiali sono pronti per la C, che tuttavia potrebbe cominciare in ritardo. 

"Lo sciopero diventa indubbiamente un problema. Bisogna trovare una soluzione che smuova le acque. La Virtus, dal canto suo, ha fatto un buon mercato ed ogni hanno cerca di prendere le giuste misure alla categoria. Credo che l'obiettivo principale sia la continuità, può fare bene anche quest'anno. Il loro cammino ed il fatto di affrontare compagini di blasone ogni anno ricorda un po' anche la mia esperienza proprio a Martina, in Lega Pro". 

Sezione: SERIE D / Data: Mar 22 settembre 2020 alle 18:05
Autore: Domenico Brandonisio
Vedi letture
Print