Francesco Montervino, direttore sportivo del Taranto, è intervenuto in conferenza stampa dopo la gara contro il Portici. Ecco le sue parole: "Anche a me è venuto in mente Taranto-Serpentara 2-3, ma in quell'occasione inseguivamo e non potevamo sbagliare mentre qui qualche passo falso ci era ancora consentito. Una stagione importante passa dai periodi positivi a quelli negativi. L'analisi da fare deve comprendere le ultime otto partite e non solo le ultime tre. Oggi sono stati fatti degli errori anche individuali ma con grande onestà non sono un granché preoccupato, si passa anche da partite come questa. Chi pensava che il campionato fosse finito si sbagliava, ma noi già lo sapevamo. Siamo ancora in vetta alla classifica, siamo tranquilli e non mi piace la depressione o alla tristezza ma qua siamo fenomeni in questo, io voglio pensarla in maniera diversa".

Le assenze: "Oggi per infortunio erano fuori solo Guastamacchia e Corado, oltre a Falcone che ha finito la stagione, ma chi finisce con i crampi solitamente sono gli avversari. Corado dovrebbe essere disponibile nella prossima partita, mentre per Guastamacchia attendiamo ma non dovrebbe essere nulla di grave".

Il clima: "Questa squadra vive settimane particolari dalla prima giornata, perché Taranto è così. Nelle ultime due o tre settimane la tensione e la pressione della città si è sentita e si sentirà chiaramente dopo una sconfitta come questa. La squadra non è abituata a perdere ma di solito la reazione è stata sempre immediata, il nostro compito è quello di far stare tutti sereni e ammazzare i fantasmi".

Le polemiche del weekend: "La squadra non se ne frega nulla di queste cose, se si fosse focalizzata sulle problematiche esterne avremmo pochissimi punti invece siamo in vetta perché i ragazzi si sono sempre estraneati dalle situazioni esterne al campo. In questo momento c'è bisogno della gente, non serve essere negativi e pessimisti perché questa squadra ha bisogno della tranquillità".

Sezione: Taranto / Data: Dom 09 maggio 2021 alle 18:55
Autore: Manuel Panza / Twitter: @manuel_panza
Vedi letture
Print