Gino Montella, advisor del Brindisi, a Canale 85 durante Passione Brindisi 2.0 ha confermato le voci dello scorso venerdì a TUTTOcalcioPUGLIA.com (clicca QUI per leggere): “La situazione è preoccupante, a me non piace illudere nessuno. Sono stato chiamato per rappresentare la società nella sua interezza, si parla di una società che deve mettere le carte a posto per iscriversi al prossimo campionato di Serie D. La situazione è ferma, nonostante io mi senta continuamente con entrambe le parti della società. Mancano 40mila euro per chiudere la stagione 2019/20 e bisogna mettere mano alla tasca. Speriamo avvenga tra domani e dopodomani, ho avuto messaggi rassicuranti ma ne avevo avuti anche altri a cui non è stato dato seguito. Mercoledì sarò in città e incontrerò i calciatori, dopodiché dirò come stanno le cose. I tempi sono ristretti, non ci sono più alibi. Mancano 18 giorni per mettere a posto le pratiche per l’iscrizione al prossimo campionato”.

E ancora: "Se non mettiamo a posto la situazione di tutti i tesserati e dell'allenatore, non potremo iscriverci al prossimo campionato. La parte campana farà un ulteriore sforzo, mi aspetto anche un colpo di reni dalla parte brindisina. Tutti si stanno adoperando, noto la voglia di mettere a posto le cose. Ma al momento non riesco a dare certezza. Oggi sono stato fino alle 20 con Vangone e mi ha detto che più di così non può fare, sarà garante fino al 50%".

Sezione: BRINDISI / Data: Lun 06 luglio 2020 alle 21:40
Autore: Redazione TCP / Twitter: @redazionetcp
Vedi letture
Print