Un punto, ma soprattutto tante risposte positive. Alberto Colombo si tiene stretto il pareggio contro la Viterbese, arrivato dopo novanta minuti molto equilibrati e dove –  sia nel primo tempo che nella ripresa – la sua Virtus Francavilla ha dimostrato di aver messo psicologicamente alle spalle la sconfitta di Bisceglie. Curioso sarebbe sapere cosa avrebbe dato il tecnico per arrivare qualche settimana prima sulla panchina biancazzurra e cosa avrebbe potuto portare.

Chiaro ed evidente, invece, il suo pensiero riguardo il futuro. Colombo, che aspetta la fine della stagione per conoscere il proprio destino, naturalmente vorrebbe conoscere i programmi della società, pronta a rinnovare la rosa dopo l’annata al di sotto delle aspettative. Le parti si siederanno, dopo il match contro il Palermo, attorno a un tavolo e ne discuteranno. Il presidente Magrì non vuole prendere decisioni affrettate e ragionare; l’impressione, invece, è che l’allenatore lombardo firmerebbe anche in bianco, considerando la voglia di proseguire al Giovanni Paolo II il proprio cammino professionale. Ha trovato l’ambiente giusto, tra giovani e ambizioni, per poter lavorare con le sue idee di calcio. E in conferenza stampa ha rimarcato come l’obiettivo affidato dalla società al momento del suo arrivo, vale a dire la salvezza, sia stato raggiunto. "Parlo con i fatti, un allenatore deve fare così”, ha detto. “Non sono io a decidere, i matrimoni si fanno in due. Non sono domande che dovete rivolgere a me…”.

Il presente, invece, dice due settimane di lavoro pieno per arrivare all’ultimo impegno della stagione contro il Palermo nelle migliori condizioni possibili. Per chiudere dignitosamente e, come ha detto Colombo, “da professionisti”.

Sezione: FRANCAVILLA / Data: Lun 19 aprile 2021 alle 09:00
Autore: Dennis Magrì / Twitter: @magriden
Vedi letture
Print