Direttamente dalla sala stampa Sergio Vantaggiato, le dichiarazioni di mister Corini.

Perché Falco e Paganini non sono convocati? Adjapong già titolare?

“Falco si è sempre allenato regolarmente. L’altro giorno ha interrotto la seduta per un risentimento muscolare. Il ragazzo non è pronto e pertanto non è stato convocato. Vediamo per la prossima. Paganini sta lavorando e recuperando la condizione fisica. Lo stesso vale per Tachtsidis, sono giocatori che devono recuperare la condizione. Adjapong ha giocato titolare in nazionale, il ragazzo è a disposizione e qualcosa devo accelerare. I ragazzi conoscono già la formazione titolare. Adjapong nasce esterno ma potrebbe giocare anche alto a destra. Devo adattare qualche situazione e avere un cambio sugli esterni difensivi e offensivi”

Quali sono le sensazioni della vigilia? Quanto la preoccupa non avere pedine importanti?

“Ho sempre avuto queste situazioni. Le difficoltà sono solo ed esclusivamente relative al riambientamento. La mia squadra è pronta per affrontare la gara contro una squadra organizzata e forte. Chi ha lavorato con me è già predisposto per la gara. Ringrazio i tifosi per essere venuti a darci la carica. Noi ci metteremo impegno, volontà e cattiveria per fare una grande gara e un buon campionato”

Cosa pensa del Pordenone?

“Arrivano dalla promozione dalla C ed un gran campionato di Serie B. Stanno lavorando bene sul mercato avendo consolidato quello che avevamo. Hanno preso Diop in attacco e Calò a centrocampo. È una squadra più avanti di noi perché già rodata. Noi dobbiamo far fronte ad alcune difficoltà e nella partita dovremo essere bravi a riconoscerci tecnicamente e tatticamente”

Il Pordenone farà una partita attendista o offensiva? Listowski le è piaciuto?

“Loro faranno una partita aggressiva e giocano per vincere. Sanno fare bene il loro calcio e mi aspetto che verranno qui a fare la partita. 

Listowski è un giocatore dinamico, tatticamente intelligente. Conosce il gioco collettivo e a me piace molto. La prova ora è il campionato ma le sensazioni sono positive”

Come colloca il Lecce in campionato?

“La Serie B è il campionato delle sorprese. So cosa fare qui e cosa mi ha chiesto la società. Non vedo l’ora che arrivi il 5 di ottobre per avere ben definita la rosa. Sarà importante capire le caratteristiche con cui verrà completata la rosa. Ho spronato la squadra e la società per fare bene sin da subito. Affrontare le difficoltà con le vittorie. Sappiamo la storia del Lecce, sappiamo anche che le retrocesse soffrono molto. Insisto ogni giorno sulla fatica, sul sacrificio e sulla voglia di stare insieme. Dobbiamo calarci subito nella categoria e fare il Lecce. Le retrocesse, Frosinone, Pordenone, Empoli e Monza faranno un campionato di vertice”

Mancosu è già fuori dalle trattative? Come lo colloca in campo?

“Marco è un giocatore di valore assoluto per la categoria. Finché è qui darà sempre disponibilità al lavoro. Lui per caratteristiche dovrà trovare il suo modo di giocare in questo impianto tattico. Tutti dobbiamo fare dei sacrifici, in ogni ruolo. Davanti siamo un po’ contati. Viste le difficoltà, ognuno si dovrà adattare. Marco per il bene comune e per il Lecce farà il suo nel ruolo che gli ritaglierò”

Domani il Lecce giocherà per vincere?

“Il lavoro di mister Liverani è stato importante. Giocare sempre la gara. È una mentalità giusta e che ho fatto anche io a Brescia. Ci sarà la fase di possesso e la fase di non possesso per dare equilibrio. Scenderemo in campo per giocare la partita e giocare a calcio. I ragazzi sono preparati ad andare a rete. Devo capire quanto possiamo fare pressione nell’arco della partita. Capire come gestire le forze dei ragazzi e capire i momenti della gara”

Sezione: LECCE / Data: Ven 25 settembre 2020 alle 12:07
Autore: Stefano Sozzo / Twitter: @stesozzo
Vedi letture
Print