Eugenio Corini ha presentato così la partita di domani tra il suo Lecce e il Pescara:

MANCOSU - "Mancosu è completamente a disposizione, non vi dico chi gioca solo per non dare vantaggi agli avversari. Siamo un po' corti a centrocampo. Nikolov ha avuto una faringite, Listkowski non c'è. Ho già deciso la formazione, l'ho già comunicata alla squadra. Ho lavorato su questo, pensando ovviamente anche alla squadra che dovrà scendere in campo lunedì".

LA SQUADRA - "Tutti i miei ragazzi sono titolari. A volte in pochi minuti si può essere decisivi, mi viene un mente un episodio con Calderoni contro la Cremonese. Non posso garantire a tutti 90', i ragazzi devono essere a disposizione. Le scelte e alcune esclusioni? Fa parte di un discorso generale, scelgo in funzione di quello che vedo, in funzione all'avversario e alla partita da giocare. Per me sono tutti titolari, i miei ragazzi non li abbandono mai".

AUTOSTIMA - "Se si vince una partita, si deve provare a vincere la seconda, la terza o la quarta. Adesso abbiamo invertito il trend ma abbiamo un'altra prova difficile, contro un Pescara che ha cambiato allenatore e che è una squadra forte. La rosa del Pescara ha tanti giocatori di qualità, hanno pareggiato a Frosinone, su un campo difficilissimo".

SEGNALI - "La terza vittoria consecutiva alimenterebbe un percorso positivo delle ultime giornate. Finché ci sarà la possibilità proveremo ad entrare nelle prime due, per dare un impulso anche da questo punto di vista"

PAGANINI E TACHTSIDIS - "Luca sta lavorando da laterale di destra basso, abbiamo Maggio e Paganini lì. La mia idea è di alimentare questo tipo di percorso, poi in caso di difficoltà può fare anche l'interno. Tachtsidis ha recuperato dal fastidio al polpaccio e dall'infiammazione al ginocchio, da martedì lavora con il gruppo, l'ho visto bene, è pienamente recuperato".

BILANCIO - "Le cose da migliorare ci sono sempre, abbiamo consolidato determinate cose. Ho visto dei passaggi di miglioramento, dobbiamo consolidarli perché abbiamo cambiato tanto dall'inizio dell'anno ma i ragazzi hanno grande predisposizione. Può essere scattata una scintilla importante, di coesione, va alimentata e piortata in campo ogni volta che si gioca".

Sezione: LECCE / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 11:39
Autore: Giuseppe Andriani / Twitter: @peppeandriani
Vedi letture
Print