Dieci giorni, quattro partite e zero vittorie: appena un punto conquistato contro la Reggina, poi tre sconfitte contro Cittadella, Monza ed Empoli. Il Lecce cade nel periodo più importante del campionato. Lo stop imposto dalla Lega per consentire di recuperare tutte quelle partite precedentemente rinviate a causa del Covid, avevano costretto i giallorossi ad una lunga pausa dal 17 aprile all'1 maggio, quando i salentini ospitavano al Via del Mare il Cittadella: contro i granata fu una disfatta, dove a preoccupare (oltre al risultato), fu soprattutto la forma fisica e mentale di una squadra visibilmente stanca e a tratti arrendevole. Segnali di cedimento, insomma, che si sono poi confermati anche nelle partite successive contro Monza, Reggina e infine Empoli dove i salentini hanno raccolto un solo punto: troppo poco per una squadra che ambiva alla promozione diretta. Adesso, però, c'è soltanto da schiacciare il tasto reset, concentrandosi al 100% sui playoff, ormai unica ed ultima porta d'accesso per la Serie A.

Sezione: Lecce / Data: Mar 11 maggio 2021 alle 07:30
Autore: Stefano Di Bella
Vedi letture
Print