È uno dei nodi nelle possibili decisioni del mondo calcistico, dalla Serie A alla Serie C: riguarda il capitolo stipendi. Ne ha parlato ai microfoni de Il Mattino, il presidente dell'AIC Damiano Tommasi: "La decisione finale sulla ripresa dei tornei spetta al Consiglio Federale e, se avremo le condizioni per riprendere, sarà difficile che opti per sospendere i campionati definitivamente. Detto questo, la differenza fra la Serie A e la Lega Pro è che quest'ultima ha 60 squadre di altrettante città, con sensibilità diverse e soprattutto con la prospettiva che, se si ricominciasse, bisognerebbe rimettere in moto 60 territori, ovvero 60 zone "libere", che rappresentano tutta Italia. Non sarebbe così semplice.

In Lega Pro il problema è che ci sono presidenti che vogliono fermarsi per chiudere i conti adesso è non pagare chi dev'essere pagato, cercando di avere dal sistema le risorse per coprire eventuali perdite legate al momento che viviamo: se fosse così, sarebbe deprimente che fosse questo l'obiettivo primario, e non la tutela della salute o la chiusura dei campionati in modo che fosse il campo a stabilire i verdetti sportivi. Questo comunque è puro esercizio teorico perché poi ci hanno pensato il coronavirus e il contagio a determinare le scelte".

Sezione: SERIE C / Data: Mer 08 aprile 2020 alle 09:15
Autore: Davide Abrescia
Vedi letture
Print