Seppur indirettamente coinvolta in un ipotetico discorso-ripescaggio, l’Audace Cerignola ha deciso di non esporsi in merito, attendendo in silenzio (apparente) quelle che saranno le decisioni che verranno ratificate in sede di Consiglio Federale.

Il club presieduto da Nicola Grieco, al netto della sospensione anticipata della stagione, è stato probabilmente uno dei più penalizzati a fronte di un calendario che, nelle ultime otto uscite, era privo di scontri diretti: il -6, in virtù del big-match Foggia-Bitonto e delle sfide delle prime due della classe contro il Sorrento, era assolutamente recuperabile.

La Serie C, in caso di mancata riforma dei campionati, potrebbe essere lontana, anche se nell’estate dei (probabili) ripescaggi nulla è da escludere, ma se realmente dovesse essere costituita una Serie C d’èlite, in tal caso gli ofantini potrebbero farne parte, essendo una delle società maggiormente abbienti sul fronte strutturale-economico.

Sezione: CERIGNOLA / Data: Sab 30 maggio 2020 alle 18:00
Autore: Vito Salvatore Di Noi
Vedi letture
Print