Roberto Taurino è il nuovo allenatore della Virtus Francavilla. O meglio, essendo sotto contratto con la Viterbese fino a fine giugno, lo sarà a partire dall'1 luglio. TUTTOcalcioPUGLIA.com ha intervistato in esclusiva Daniele Vetrugno, ex compagno di squadra proprio in biancazzurro dell'ex capitano e futuro tecnico.

La Virtus Francavilla ricomincia da Taurino, suo ex compagno di squadra. È la scelta giusta?
"È, secondo me, la migliore scelta possibile. Perché Roberto, prima che un allenatore, è una grande persona: l'ho vissuto da compagno di squadra e posso confermarlo. Conosce bene la piazza e può dare una marcia in più sotto tanti punti di vista. Ha sani valori, darà sicuramente una nuova impronta a questa Virtus, sono molto contento del suo arrivo".

Per molti era già un allenatore in campo. Ci racconti il suo modo di fare.
"Sono stato suo compagno alla Virtus, ma anche in altre piazze. E sì, oltre ad essere un fortissimo calciatore, era già un allenatore in campo, si vedeva sarebbe arrivato a ricoprire questo ruolo. Perché dettava i tempi e leggeva le situazioni con largo anticipo. Oggi, a Francavilla e con i giovani, può fare bene. È umile e basa tutti i suoi averi sul duro lavoro. Sicuramente farà del suo meglio per portare la Virtus a raggiungere un ottimo risultato a fine anno".

A Francavilla può ripercorrere le orme di Calabro, di cui è stato vice nel primo anno di C?
"Antonio ha fatto un grandissimo percorso, ma sarebbe ingiusto paragonarli. Con Calabro sono stati tre anni belli, con tante vittorie. L'era Taurino mi auguro possa regalare le vittorie che abbiamo portato in quelle stagioni. Hanno una cosa in comune: la tenacia e la perseveranza per raggiungere i propri obiettivi. Può sicuramente ripetersi nel portare risultati positivi, glielo auguro con tutto il cuore".

Vi siete sentiti? E come l'ha sentito?
"Ci siamo sentiti, anche perché siamo molto amici. Già quando era in trattativa con il club biancazzurro abbiamo scambiato due chiacchiere: è motivatissimo, non vede l'ora di cominciare. Io, in tempi non sospetti, gli avevo preannunciato che sarebbe stata proprio Francavilla la sua piazza ideale. Le circostanze hanno voluto che questo si avverasse, secondo me è stata la scelta migliore per entrambe le parti".

Perché?
"Sia per il presidente, che oggi può affidare la panchina a un elemento di tutto rispetto, sia per Taurino che può pensare solo ed esclusivamente al lato calcistico. Lavorerà in una società moderna e sana come la Virtus, che gli darà possibilità di strutturare il quotidiano solo su aspetti calcistici. Secondo me è un'ottima soluzione per ambo le parti. Sono certo che saprà esprimere il suo valore in una piazza che gli ha dato tanto e viceversa, nelle vesti di allenatore continuerà un percorso roseo. Da ex capitano qual è stato, in panchina sarà il valore aggiunto".

Le ha chiesto di seguirlo?
"Beh... (sorride, ndr). Mi ha chiesto se fossi pronto a dargli una mano in qualsiasi situazione, ma dato il lavoro non ho tantissimo tempo a disposizione. Però gli ho fatto capire che per qualsiasi mansione sarò dalla sua parte: per l'affetto che ci lega, per il bene che voglio alla Virtus Francavilla, che come tutti sanno è la mia seconda casa a livello calcistico".

Sezione: Francavilla / Data: Lun 10 maggio 2021 alle 09:00
Autore: Dennis Magrì / Twitter: @magriden
Vedi letture
Print