Eugenio Corini, allenatore del Lecce, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha parlato così in vista del match di venerdì contro il Chievo, ricordando il suo passato: "A Verona da allenatore avrei meritato qualcosa in più, ma devo tanto alla società. Forse sbagliai a restare dopo le due salvezze in Serie A, perché non c'era prospettiva di proseguire. Il mio Lecce? Sono sorpreso dalla rapidità nella crescita e nella disponibilità totale dei ragazzi. Si è creata una bella empatia con tutti, forse ho trovato un'altra isola felice".

Sezione: LECCE / Data: Mer 25 novembre 2020 alle 11:00
Autore: Redazione TCP / Twitter: @redazionetcp
Vedi letture
Print