Dalla propria condizione all'obiettivo Serie A: Christian Maggio racconta le ambizioni del Lecce, questo suo avvio con i giallorossi e non solo.

LA CONDIZIONE FISICA - "Mi sono inserito subito bene, è chiaro che al di là dell'età arrivavo da un periodo nel quale giocavo poco e ho avuto qualche settimana per capire il mio stato fisico. Mi sono integrato bene nel gruppo, ma non avevo dubbi: fin dal primo giorno ho trovato un gruppo positivo, giovane, che ha tanta voglia di fare. Non ho avuto grandi problemi, anzi. Speriamo di continuare su questa strada".

I GIOVANI - "Mi piacciono in tanti, ce ne sono molti bravi, merito del direttore Corvino che guarda i ragazzi in una certa maniera. Fare un solo nome sarebbe banale, ma dico Rodriguez, Hjulmand, tanti ragazzi che stanno facendo bene e possono comunque ambire a un grande futuro. Hanno grande professionalità, non lasciano mai niente al caso e questo è di buon auspicio per il loro futuro".

RECORD - "Il gol del calciatore più anziano con il Lecce? Non so se è una cosa bella (sorride, ndr), ma dal punto di vista professionale sono contento"

GLI ULTIMI RISULTATI - "Abbiamo portato a casa due punti, cerchiamo di muovere un po' la classifica, anche se speravamo di fare di più. Quando pensi di giocare una gara facile, poi rischi persino di perdere o di buttare via una partita in una brutta maniera. Per stare lassù basta avere un po' di tranquillità".

PROMOZIONE DIRETTA - "Sì, possiamo crederci. Ad oggi forse l'Empoli ha qualcosina in più, ma abbiamo visto che anche loro a volte fanno meno punti. Noi dobbiamo puntare a fare sempre il massimo, a cercare sempre di portare a casa più punti possibile. Poi vedremo dove saremo arrivati e tireremo le somme".

MOTIVAZIONI - "Ho trovato una squadra molto motivata, Corini cerca sempre di caricare la squadra al massimo. È chiaro che per tante gare ravvicinate, abbiamo bisogno di tutti e a volte servono anche i cambi. Ho trovato una squadra in salute ma questo dipende sempre anche dai risultati".

PRESSIONI - "Vengo da piazze del Sud. Io faccio l'esempio di quando arrivai a Benevento: dovevamo per forza andare in Serie A e invece siamo usciti ai playoff. Tante volte quando cerchi un risultato a tutti i costi, ti viene meno, perché ci sono tante pressioni".

REGGIANA - "Sarà una partita difficile, giocano in ripartenza, a gennaio si sono rafforzati e hanno avuto buoni risultati. Dovremo stare molto attenti e cercare di sfruttare le occasioni che ci capitano"

Sezione: LECCE / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 12:13
Autore: Giuseppe Andriani / Twitter: @peppeandriani
Vedi letture
Print