Cristiana Capotondi, vicepresidente della Lega Pro, in un'intervista rilasciata a tuttoc.com ha parlato della volontà di portare a termine la stagione: “Adesso bisognerà capire quando si ritornerà in campo, ma da parte di tutti c’è il desiderio di finire la stagione. Sia per i tifosi, sia per dare un senso di ritorno alla normalità. Credo faccia molto effetto ai tifosi non vedere il calcio giocato, questo sport è sempre stato il termometro del nostro paese: vederlo fermo da il senso dell’emergenza che stiamo vivendo. Noi vorremmo tornare sui campi, chiaramente in sicurezza, il prima possibile; intanto per dare seguito al campionato, per playoff e play out, per assegnare lo scudetto e per soddisfare i tifosi. Riteniamo evidentemente che una volta finita l’emergenza qualcuno avrà paura a ritornare alla normalità e il calcio potrà sicuramente allargare il cuore degli italiani e riportarli a vivere la vita che abbiamo conosciuto fino a qualche giorno fa".

Sulle difficoltà che potrebbero incontrare i club: “Le prime partite a porte chiuse e lo stop del campionato hanno già dato i loro risultati negativi. Abbiamo una situazione da monitorare, intanto è stata spostata dal 16 marzo al 16 aprile la scadenza federale delle licenze nazionali. Sarà necessario parlare con il governo, noi come Lega Pro siamo un’associazione molto vicina al Ministero dello Sport, già da prima del Covid. Si era parlato di defiscalizzazione e di altre forme di approvvigionamento per la nostra Lega, discorsi che rimangono in atto ma che con questa emergenza fanno da scenario a tante altre ipotesi. Abbiamo raccolto il suggerimento del Ministro Spadafora di far trasmettere le nostre partite in chiaro sulla piattaforma di Eleven Sports. Questo ha mostrato ciò che il calcio è per il paese: svago e cultura. Reticolo di 60 club, oltre 15.000 giovani del nostro settore giovanile, saranno protagonisti di uno scenario migliore non appena finirà questa emergenza".

Sezione: SERIE C / Data: Sab 14 marzo 2020 alle 17:30
Autore: Dennis Magrì / Twitter: @magriden
Vedi letture
Print