Clamorosa affermazione del Bitonto su un Taranto che, in ogni caso, disputa un’ottima prestazione al Città degli Ulivi: a decidere una contesa Taurino, tarantino di nascita, che regala ai neroverdi tre punti fondamentali.

Loseto accantona l’idea del 4-3-3 e opta per un più equilibrato 3-5-2: il ritorno di Petta in retroguardia non comporta quello di Biason in mediana, tant’è che il centrocampista argentino viene riconfermato al centro della difesa, mentre in avanti agiscono in coppia Taurino e Lattanzio. Lentini, che sostituisce lo squalificato Laterza, risponde con l’ormai consueto 4-2-3-1: Rizzo vince il ballottaggio con Gonzalez, Diaz invece è preferito ad Abayiàn.

Il Taranto parte con il piede pigiato sull’acceleratore: al quarto minuto Falcone, ben imbeccato da Boccia, impegna severamente Figliola costretto a smanacciare il colpo di testa dell’ex di turno con un prodigioso colpo di reni. Ancora il numero 11 rossoblù pericoloso al 14’, ma il suo fendente dal limite dell’area si spegne di un soffio a lato. Urlo strozzato in gola per Diaz che, al ventunesimo minuto, trova il guizzo vincente, ma in posizione di offside: rete annullata e punteggio che resta ad occhiali. L’unico pericolo dalle parti di Ciezkowski lo crea Lattanzio poco dopo la mezz’ora: il colpo di testa dell’attaccante classe ’89 è deviato in corner dal portiere ionico.

La ripresa si apre sulla falsa riga della prima frazione: Tissone, su punizione, chiama Figliola agli straordinari, dall’altra parte è Ciezkowski a bloccare un tentativo, sempre da calcio piazzato, di Montinaro. Il match sembra pendere in direzione ionica quando Colella, in pochi minuti, rimedia un doppio giallo e il colpo di testa di Diaz del quarto d’ora sembra avallare tale tesi, ma al 63’ giunge un po’ a sorpresa il gol di Taurino che di testa, su azione di corner, coglie impreparata la retroguardia tarantina. Sale così sugli scudi Figliola: il portiere di casa chiude letteralmente i pali dapprima ad Abayiàn e poi a Diaz, mentre Mastromonaco spreca una buona occasione a dieci minuti dal termine. Il Bitonto conclude in nove per via del rosso diretto a Palazzo, ma mette ugualmente in cassaforte il successo: al Città degli Ulivi termina 1-0.

Domenica prossima il Bitonto sarà ospite del Molfetta, mentre il Taranto tornerà di scena allo Iacovone laddove giungerà il fanalino di coda Puteolana.

BITONTO – TARANTO 1-0

BITONTO (3-5-2): Figliola; Petta, Biason, D.Colella; Di Modugno, Mariani, Capece (14' st Nocerino), Montinaro (31' st Piarulli), Nannola (41' st Esposito); Taurino (22' st Triarico), Lattanzio (28' st Palazzo). A disp.: Zinfollino, S.Colella, Zaccaria, Caruso. All.: Loseto.

TARANTO (4-2-3-1): Ciezkowski; Boccia (45' st Marrazzo), Rizzo, Guastamacchia, Ferrara (39' st Santarpia); Matute (14' st Abayiàn), Diaby (40' st Acquadro); Guaita (28' st Mastromonaco), Tissone, Falcone; Diaz. A disp.: Caccetta, Shehu, Gonzalez, Serafino. All.: Lentini (Laterza squalificato).

ARBITRO: Robilotta di Sala Consilina. Assistenti: Marchese e Romano.

MARCATORI: 18' st Taurino (B)

ESPULSI: D.Colella (B) al 12' st per doppia ammonizione, Palazzo (B) al 43' st per presunta gomitata su Guastamacchia (T).

Ammoniti: Capece (B) al 7’ pt, Ferrara (T) al 25’ pt, Biason (B) al 2' st, D.Colella (B) al 5' st, D.Colella (B) al 12' st, Petta (B) al 50' st.

NOTE: gara disputata a porte chiuse in ottemperanza delle misure anti covid-19. Angoli: 3-6. Rec.: 1’ pt,

Sezione: SERIE D / Data: Mer 24 febbraio 2021 alle 16:29
Autore: Vito Salvatore Di Noi
Vedi letture
Print